La delibera numero 33 dello scorso 9 settembre adottata dal Consiglio comunale con le nuove tariffe è stata un pasticcio quindi l'Amministrazione Bonfanti sta tentando di porre rimedio attraverso l'indirizzo votato in Giunta ieri, con delibera numero 185 dell'11 ottobre. Ma andiamo per ordine.

Anzitutto, l'Amministrazione comunale prende atto del fatto che sia stato illegittimo adottare nuove tariffe Tari per il 2016 diverse da quelle del 2015 senza avere prima adottato il bilancio di previsione 2016, cosa che ad oggi non è riuscita a fare. La giustificazione della mancata adozione del bilancio è addebitata, secondo quanto riportato nella delibera di ieri, al fatto che quest'anno ci sia stato il rinnovo degli organi istituzionali con le elezioni amministrative svoltesi nel mese di giugno.

A questa motivazione, si aggiunge la mancanza di certezze relativamente ai trasferimenti regionali e nazionali.

Cosa fare per la Tari 2016

A questo punto l'Amministrazione comunale prende atto di dover applicare ai cittadini la stessa Tari applicata nel 2015, nonostante i costi siano aumentati. Per questa ragione, avendo già spedito i modelli precompilati per l'anno 2016 con le nuove tariffe, secondo lo schema della divisione in quattro rate (30 settembre, 31 ottobre, 30 novembre e 20 dicembre), spiega che entro la scadenza della terza rata - ovvero entro il prossimo 30 novembre - arriverà ad ogni cittadino un modello F24 precompilato che calcola l'effettivo saldo dovuto per il raggiungimento della tariffa del 2015 e al cittadino basterà pagare quello anziché quelli restanti del 2016 che ha già ricevuto.

I migliori video del giorno

La delibera, tuttavia, non contempla il caso di un cittadino che abbia già pagato l'intero importo precedentemente stabilito per il 2016.

Tari 2017

Infine, la delibera di Giunta votata ieri pomeriggio afferma che rapidamente l'Amministrazione porterà in aula una delibera volta a ratificare quanto adottato dal Consiglio comunale lo scorso 9 settembre, affinché quelle tariffe entrino in vigore per il 2017, individuando una più razionale tempistica di pagamento in quattro rate.