Cosa ne vale dell'attrazione e dell'utilizzo dei fondi messi a disposizione dall'Europa per le aree più povere se oggi il dato della disoccupazione giovanile rimane, in questa porzione del Vecchio Continente, su livelli anche superiori al cinquanta per cento?

Pubblicità
Pubblicità

Con quale credibilità dovremmo attribuire una patente di buon governo alle classi dirigenti della nostra isola sulla base dei progetti finanziati con fondi europei se in realtà la popolazione siciliana non ha percepito un miglioramento della propria qualità di vita? Come si può criticare lo scetticismo dell'opinione pubblica quando si parla di Europa se dopo trent'anni di programmazione, le regioni meridionali del nostro Paese, che avrebbero dovuto beneficiarne, sono rimaste sostanzialmente tra coloro che devono ancora raggiungere gli obiettivi per i quali era nata la stessa programmazione?

L'economista siracusano Santi Tomaselli
L'economista siracusano Santi Tomaselli

Su questi interrogativi profondi come solchi arati sulle coscienze della collettività della nostra terra poggia il senso dell'impegno professionale che vede oggi protagonista nella qualità di Presidente dell'Osservatorio Romano sui Fondi Europei il siracusano Santi Tomaselli.

Incontro presso l'Istituto Sturzo

A queste domande, pesanti come macigni in un periodo storico in cui l'Europa viene attraversata da sentimenti di scetticismo politico sempre più forti, ha tentato di fornire risposte concrete un convegno di carattere nazionale organizzato a Roma, presso l'Istituto Luigi Sturzo, dal tema "Etica, Legalità, Fondi Europei, Finanza".

Pubblicità

Presenti all'incontro i docenti universitari della Lumsa Colangelo e Pezzimenti, il direttore generale della Presidenza del Consiglio Sabbatella, il Presidente dell'Associazione Mondiale di Biomedica Tritto, il coordinatore 2018-2020 per le Nazioni Unite in seno alla Commissione Europea Asset Politiche giovanili Pronestì, il Presidente del Parlamento della Legalità Internazionale Mannino, l'ex Ministro della Giustizia dello Stato Vaticano cardinale Coccopalmerio e il Presidente del Centro ecumenico russo Sergio Mercanzin.

Pronto un disegno di legge

In seno a questo parterre di illustri personalità, Santi Tomaselli ha annunciato di essere pronto a presentare all'attenzione del prossimo governo nazionale un disegno di legge che aiuterà a superare le attuali inefficienze esistenzi nella gestione dei fondi europei per andare oltre la situazione vissuta fino ad oggi. Che sia la volta buona?

Leggi tutto