Facebook e la sua luna nera: il furto d'identità. Purtroppo, sempre più frequentemente, e da alcuni anni a questa parte, alcuni utenti utilizzano il famoso Social Network per la creazione illegale di profili falsi (meglio conosciuti come fake) a scopo diffamatorio. Sempre più spesso questa pratica si avvale del furto d'identità a discapito di terzi, ignari di tutto fino alla scioccante scoperta, che avviene, il più delle volte, grazie ad un amico.

Ogni anno, in Italia e nel mondo, migliaia di account vengono clonati in questo modo a scopo illegale.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Tecnologia

Agli utenti di Facebook capita sempre più spesso infatti di ritrovarsi increduli di fronte ad un account falso con foto, nome e cognome degli stessi e, oggi più che mai, anche di doversi giustificare di azioni mai commesse, parole mai utilizzate e situazioni mai vissute che sono avvenute ad opera di una terza persona.

La domanda che più sorge spontanea è questa: perchè qualcuno dovrebbe creare un account a nome di terzi (realmente esistenti e attivi o meno sul social network)? La risposta più ovvia, e probabilmente la più reale, è quella del desiderio, da parte dell'ideatore del fake, di diffamare - per gelosia, odio, stalking, amore negato, discordanze politiche, differenti credo, litigi in ambito lavorativo, etc - la persona cui ruba illegalmente l'identità.

Come comportarsi di fronte al furto d'identità? Una volta che vi imbattete in una situazione di questo tipo la prima mossa da compiere è quella di segnalare il profilo falso a vostro nome alla competenza di Facebook, attraverso l'opzione segnala/blocca utente (presente a destra sul menù a tendina sottostante la freccia verso il basso) nell'anteprima di ogni profilo.

I migliori video del giorno

Attraverso la vostra segnalazione, dopo identificazione attraverso l'invio del vostro numero di cellulare e di un codice di verifica che vi verrà inviato tramite sms sul numero indicato, Facebook provvederà a chiudere il falso account nell'arco di poche ore. Se venite a conoscenza di reati veri e propri operati a vostro nome è consigliabile altresì rivolgersi alla polizia postale, che agirà di conseguenza scoprendo e denunciando, per reato di sostituzione di persona, l'ideatore del furto della "vostra" identità.