amazon consegna in ogni luogo, anche nel bagagliaio della tua auto. No, non è l'ultima trovata pubblicitaria per sponsorizzare l'azienda ma il nuovo servizio lanciato dalla società di delivery più famosa al mondo che permette ai clienti di ricevere i pacchi direttamente nel bagagliaio della propria auto.

Dopo il servizio Amazon Key che permette al corriere di consegnare il pacco direttamente dentro casa anche se il proprietario è assente, ora il colosso dell'e-commerce lancia negli USA Amazon Key In-Car, che consente all'incaricato di lasciare il pacco dentro l’auto del cliente.

Pubblicità
Pubblicità

Il servizio è stato testato negli Stati Uniti e i primi clienti, testimonial di un video-promozionale, si dicono molto soddisfatti di aver sperimentato questa nuova modalità di consegna.

L'ultima frontiera dell'e-commerce

Il nuovo servizio di consegna in auto è una variante dell'Amazon Key, ovvero il recapito dei pacchi direttamente dentro casa in assenza del proprietario.

Nei prossimi giorni, in decine di città negli Stati Uniti i clienti Amazon si vedranno consegnare i loro ordini comodamente nella propria macchina parcheggiata, a condizione che il veicolo possegga la tecnologia necessaria.

Pubblicità

Con pochi click sullo schermo del palmare, il corriere potrà sbloccare la macchina e caricare la scatola all'interno del baule o sul sedile posteriore.

Sarà disponibile per ora solo negli USA, in 37 città e aree circostanti e riservato ai clienti Prime.

Per la consegna in auto la vettura deve essere parcheggiata in un luogo accessibile al pubblico e i clienti devono avere un modello di auto con connessione dati attiva, del 2015 o più recenti.

Per il momento il servizio è accessibile a proprietari di Chevrolet, Buick, GMC, Cadillac e Volvo con un account attivo con OnStar, l'assistenza stradale e servizio di navigazione di General Motors.

La connessione consente alle auto di ricevere da remoto tramite l'app di Amazon il segnale di sblocco/blocco delle portiere o del baule del veicolo.

I corrieri possono utilizzare i servizi di assistenza per trovare le vetture attraverso la localizzazione satellitare-Tracking e sbloccare il bagagliaio tramite l'app caricata sui loro palmari.

La vettura deve essere parcheggiata in un'area aperta, pubblica e a livello stradale. Non è possibile ricevere la consegna in garage multi-livello o sotterranei perché non garantiscono la ricezione del segnale e quindi l'invio delle informazioni GPS per la localizzazione del mezzo.

Ricevere la merce ordinata su Amazon direttamente nella propria auto è semplice: configurata l'app Amazon Key si procede con l’acquisto e si indica l’indirizzo per la consegna e l'opzione Amazon key In-car al momento del pagamento.

Pubblicità

Amazon a questo punto comunica i tempi di consegna al cliente che dovrà parcheggiare l’auto in una zona pubblica in un raggio massimo di due isolati dall'indirizzo di consegna, entro 4 ore dall’invio dell’ordine. Amazon quindi abilita il corriere alla consegna e procede all’apertura da remoto del veicolo. Il corriere non ha né seconde chiavi né accesso diretto allo sblocco dell’auto. All’avvenuta consegna Amazon comunica al cliente che il pacco è stato recapitato e chiude nuovamente il veicolo da remoto.

Pubblicità

Il tutto è monitorabile dal cliente tramite l'app stessa.

Il servizio in-car necessita di un minor numero di sistemi di protezione rispetto ad Amazon in-Home Delivery Service, che invece richiede ai clienti di avere un collegamento Internet sulla serratura della porta anteriore di casa e una telecamera di sicurezza per scoraggiare qualsiasi tentativo di furto da parte dei corrieri una volta che sono all'interno dell'abitazione.

Anche se per ora il servizio è attivabile su un numero ristretto di modelli di vetture, Amazon ha intenzione prossimamente di estendere il servizio ad altre case automobilistiche. Diversi anni fa la società aveva già condotto una piccola prova pilota di consegna in un'auto in Germania in collaborazione con Audi e DHL.

La filosofia Amazon

"Il nostro credo è offrire diverse possibilità di scelta ai clienti", ha detto Rohit Shrivastava, direttore generale di Amazon Key, e aggiunge "questo prodotto non può essere per tutti."

Il nuovo servizio è rivolto ai clienti che non vogliono rischiare il furto del pacco consegnato nel proprio portico o a chi non può ricevere un ordine Amazon mentre è al lavoro.

I dipartimenti di polizia in tutto il paese affermano che è diventato molto facile rubare i pacchi consegnati nei portici delle case, soprattutto ora che lo shopping su Internet è diventato un comportamento diffuso. I ladri di pacchetti hanno anche guadagnato un soprannome accattivante, "pirati del portico".

Questa non è l'unica iniziativa che Amazon ha messo in atto per ridurre il furto dei pacchi, soprattutto negli USA dove esistono già diverse modalità di consegna. L'azienda ha installato armadietti al di fuori dei negozi in cui i clienti possono ritirare gli ordini. Lo scorso anno ha introdotto Amazon Key, che permette ai suoi corrieri di sbloccare le porte delle abitazioni dei clienti e lasciare i pacchetti all'interno.

Amazon afferma che i clienti non devono preoccuparsi perché risarcirà ogni finestra o serratura rotta a causa di una consegna in macchina. "Se il danno è causato da una consegna e un cliente reclama, ci assicureremo che il danno venga risarcito", ha detto Shrivastava.

L'azienda assicura che i suoi sistemi consentiranno ai corrieri di sbloccare i veicoli solo una volta per ogni consegna programmata, per evitare accessi non autorizzati. Nonostante Amazon lanci messaggi rassicuranti sull'accuratezza e la sicurezza del servizio, facendosi garante dell’onestà dei propri corrieri, la nuova modalità di consegna richiederà un grande atto di fiducia da parte dei clienti.

Sarà interessante capire se e quando questo servizio sarà attivato in Italia.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto