Sanremo2014 debutta proprio oggi 18 febbraio e, a pochi minuti dall’inizio delfestival, mentre il presentatore Fabio Fazio inizia a fare un monologo sullasituazione del Bel Paese, due uominiirrompono nella “scena” minacciando di buttarsi dalla balconata.

Non è la prima volta che accade unepisodio di questo tipo: già anni fa, nel 2011, quando conduceva Pippo Baudo,un altro uomo, in preda alla disperazione per motivi economici – anche se neigiorni successivi si ipotizzò altro – tentò di suicidarsi.

Alcuni istanti di imbarazzo e panico per Fabio Fazio ripreso dalletelecamere, sebbene gestiti con molta freddezza - quasi fosse un momentoatteso/programmato - vedono tutti gli spettatori ed i telespettatori attoniti guardarei due uomini che dall’alto chiedono di prestare attenzione a quanto stanno perpronunciare.

Queste le loro parole dette nel silenzio, rotto da qualchefischio, “Attenzione un momento, nonriusciamo a mangiare". Proferiscono queste frasi gridando e minacciando dibuttarsi dalla balconata.

Fabio Fazio tenta di farli ragionaree replica dicendo che non è corretto “bloccareun intero staff impedendo loro di continuare a lavorare”. Comeimmaginabile, i due scavalcano il parapetto dicendo di buttarsi davvero se nonvengono ascoltati e se non viene letta pubblicamente una lettera che hanno inmano, mostrandola alle telecamere.

Il presentatore assicura loro dileggere la lettera che hanno con sé, ma li invita prima di tutto a rientratefacendosi aiutare dal personale addetto alla sicurezza che cercava di prenderliper le braccia. Dopo attimi di esitazioni ed urla, tentativi di dire a voce,pur senza microfono, ciò che era riportato nella lettera, i due decidono dirientrare: buttano la lettera che Fabio Fazio subito dopo legge.

È una lettera di disperazione,scritta da quanti rischiano di perdere il posto di lavoro: dipendenti del Consorzio del Bacino di Napoli e Caserta che da 18 mesi non percepiscono lo stipendio.

Una domanda è d’obbligo e tutti inquel momento se lo saranno chiesto: sicuramente è un fatto gravissimo ciò che accade a quasi 800 dipendenti, ma è davvero necessario in questo Paese finire inTV in tutti questi programmi televisivi per risolvereun problema di lavoro, d’amore, famigliare e via dicendo?

Segui la pagina Festival Sanremo
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!