L'8 settembre 2014, lunedì, gli appassionati della soap dell'anno e cioè Il Segreto scopriranno che Maria (Loreto Mauleon) "stuzzica" Gonzalo (Jordi Coll) in merito a quella che potrebbe essere stata la sorte della levatrice più famosa del vasto panorama televisivo di questi anni ricchi di proposte. Appare chiaro che ormai i nuovi protagonisti principali de Il Segreto sono loro. Proprio davanti a Maria, l'onnipresente Donna Francisca Montenegro prende appuntamento con Gonzalo, che scopriremo essere un prete. Quale sarà la reazione di Maria davanti alla strabiliante novità? Le sorprese de Il Segreto non finiscono mai. Non è tutto: quando Gonzalo si reca al camposanto, davanti alla tomba (vuota) di Pepa incontra Tristan Ulloa.

Quest'ultimo ha un atteggiamento minaccioso nei confronti di Gonzalo. Perché Tristan ce l'ha tanto con lui? Da buon prete Gonzalo incasserà il colpo senza reagire, con cristiana rassegnazione. Entrambi portano il dolce ricordo di Pepa nel cuore e nella mente seppure in modo molto diverso.

Il rapporto Emilia-Alfonso è sempre più in crisi

Continua la lunga crisi in atto tra Alfonso (Fernando Coronado, col suo ormai famoso pizzetto). Troppe le incomprensioni, troppe le cose rimaste a metà e l'inquietante ricordo di Adolfina che pesa come un macigno. Mauricio Godoy intanto fornisce a Francisca una scrittura che la solleva da conseguenze legate alla tragica scomparsa di Gervasio, che è morto lavorando nell'azienda tessile di Francisca stessa. Francisca si conferma così una micidiale manipolatrice di fatti e persone, che insiste a pretendere un mondo che dovrebbe essere come desidera lei, senza un minimo di comprensione per i "desiderata" degli altri che hanno ovviamente delle esigenze diverse dalle sue.

I migliori video del giorno

Francisca/Maria Bouzas resta il "cuore di tenebra" della situazione. Vi abbiamo fornito anticipazioni sull'episodio 384 de Il Segreto che, come avrete capito, si annuncia particolarmente interessante in quanto ben congegnata dall'autrice Aurora Guerra che non ci fa mancare proprio nulla.