Il sospetto che la labrador, che apre tutte le puntate trotterellando a fianco del padrone sul prato della villa, potrebbe essere eliminata da Downton Abbey, celebre serie televisiva britannica giunta alla sua quinta edizione, troverebbe ragione nel fatto che il cane si chiama Isis. Il nome, Isis, ricorda troppo l'omonimo gruppo jihadista che sta imperversando in Iraq e Siria, mettendo a dura prova sia la resistenza curda che irakena, sebbene appoggiata dalla coalizione occidentale, in cui figurano a pieno titolo proprio la Gran Bretagna e gli Usa.



Il fatto - La coincidenza del nome della labrador al terribile califfato islamico sarebbe stata oggetto di disappunto di alcuni fan che lo avrebbero espresso su Twitter, chiedendo il cambio del nome del cane.

I vertici della produzione sembrerebbero aver preso la cosa non tanto alla leggera, pensando di eliminare Isis, facendola sparire o morire di qualcosa.

Nell'ultima puntata di Downton Abbey andata in onda in Gran Bretagna, si vede infatti la famiglia Lord Grantham riunita attorno alla labrador che sembra stare male, mentre Cora Crawley, la contessa di Grantham, guardando il cane steso a terra afferma: "È tremendamente apatica. Non vorrei che si fosse presa qualcosa". Lady Mary, la figlia, risponde "Avrà mangiato uno scoiattolo morto o qualcosa del genere".

Downton Abbey è una serie televisiva anglo-statunitense in costume, prodotta da Carnival Films e Masterpiece per la ITV (network britannico) e per la PBS, (Tv non-profit statunitense). La serie è stata ideata e scritta da Julian Fellowes, e ambientata dopo la morte di Edoardo VII in una tenuta fittizia, appunto di Downton Abbey nello Yorkshire.

I migliori video del giorno

I protagonisti sono il conte e la contessa di Grantham: la storia ha inizio il 15 aprile del 1912, ossia il giorno dell'affondamento del Titanic. In questo disastro perdono la vita due membri della famiglia, in particolare l'erede della proprietà. Ne diventa proprietario un cugino avvocato e i due nobili, il conte e la contessa, inorridiscono al pensiero che ad ereditare sia uno "che lavora" che non intende seguire assolutamente l'etichetta dell'aristocrazia.

La serie ha avuto ascolti eccezionali, raccogliendo molti premi e nomination. Già ai suoi esordi (la prima stagione è iniziata nel 2011), la serie è entrata nel guinness dei primati degli show più acclamati dalla critica. L'anno successivo ha poi avuto la nomination agli Emmy Award, diventando la prima serie non statunitense ad essere candidata al premio. Oggi è giunta alla sua quinta edizione e i suoi ascolti non sembrano essere assolutamente in calo.