Rafael Nadal e Ronaldo, 14 Grandi Slam vinti l’uno e 6 trofei conquistati con la Nazionale verde-oro l’altro, si sono affrontati in una gara di Poker organizzata da PokerStars nella splendida cornice del Casinò Hippodrome di Londra. Suggestiva e carica di significati come poche, la sfida è stata etichettata dalla stessa PokerStars con la dicitura ‘The Duel’, e non poteva essere altrimenti per un ‘match’ che ha messo a confronto due leggende dello sport. Nonostante il prato verde dovesse suonare più familiare a Ronaldo ad imporsi è stato Rafael Nadal, parso a proprio agio anche lontano da racchette e terra rossa: il Fenomeno e King of Clay avevano a disposizione venti minuti in tutto per chiudere la gara e dimostrare la propria superiorità con le carte da gioco in mano, ma a spuntarla come detto è stato il tennista spagnolo, che audace e combattivo come quando si misura coi grandi campioni del tennis internazionale nel corso dell’ultima mano ha chiamato l’all-in. ‘E’ stata la mossa giusta’ ha commentato Nadal a fine gara, entusiasta per essersi trovato di fronte all’indimenticato campione verde-oro: ‘Ronaldo è una leggenda del calcio ed è stato incredibile per me avere l'opportunità di affrontarlo al tavolo da Poker’ ha concluso Rafa, che ha potuto salutare il Casinò Hippodrome di Londra con una duplice soddisfazione: poter devolvere il premio di 50mila dollari vinto alla propria fondazione benefica, la Fundaciòn RafaNadal, e aver costretto uno dei mostri sacri del calcio mondiale a lavare i piatti in segno di penitenza per la sconfitta subita (nella photogallery del pezzo troverete un divertente scatto che immortala la scena).



Eppure, lui, Ronaldo si era preparato bene al match contro Nadal: ‘Rafa ha giocato bene, ho commesso l’errore di andare all-in in bluff proprio alla fine, ma lui aveva la mano migliore. Il Poker è anche questo’, ha chiosato il Fenomeno, parlando di un gioco che come pochi altri richiede un attendo studio dell’avversario, come confermato anche da Rafa a fine gara: ‘Nel poker ci vuole un grande autocontrollo e una buona lettura del gioco per sapere quando affondare’. Un po’ come nel tennis insomma, dove oltre che con l’avversario di turno sei chiamato a misurarti anche con te stesso. I due protagonisti hanno certo avuto uno sviluppo di carriera molto differente: prepotente quello del primo e accidentato quello del secondo, Nadal e Ronaldo ben incarnano lo spirito dei top player dello sport che cercano di dare il proprio contributo anche a chi è meno fortunato. Peccato per il brasiliano che il tavolo verde fosse quello da Poker e non la distesa d’erba nella quale era solito affondare i propri colpi: memorabili le stagioni nel Barcellona, dove si consacrò al grande pubblico europeo, nell’Inter, dove nonostante l’incredibile girandola di infortuni si è guadagnato il soprannome di Fenomeno, e nel Real Madrid, dove ha mostrato ottime cose seppur ormai sulla via del tramonto. Per rivedere le sue giocate non possiamo che affidarci a vecchi filmati, per assistere nuovamente ad un match di Poker con Rafael Nadal davanti dovremo invece avere solo un po’ di pazienza: ‘Se Ronaldo accettasse la sfida sarei felice di concedergli la rivincita’ ha ammesso Rafa al termine del duello. Chiunque volesse rivivere la serata può visitare la photogallery curata dall’ufficio stampa di PokerStars al seguente link: 'https://www.mediafire.com/folder/mn2db6pdk9mxq/14-11-19_PokerStars_'The_Duel&'.

Leggi tutto