Ultima puntata di Masterchef Italia 4, in onda in diretta su SkyUno il prossimo giovedì 5 Marzo 2015: i finalisti sono Stefano, Nicolò e Amelia. Ma Striscia la Notizia fa le scarpe a tutti e annuncia il vincitore dell'edizione 2015 del cooking show con ben due giorni di anticipo, e lo fa nella puntata andata in onda martedì 2 Marzo 2015.

Nel pomeriggio di martedì infatti Antonio Ricci aveva diffuso un comunicato stampa con tanto di spot per la puntata della sera stessa, dove si diceva che sarebbe stato annunciato in anticipo di due giorni il quarto vincitore di MasterChef Italia: Ficarra e Picone per tutta la puntata hanno rincarato la dose più volte svelando il nome.

Tra i finalisti la spunterà Stefano, la guerriera Amelia invece salirà solamente sul terzo gradino. Al secondo posto, invece, il giovane emotivo Nicolò.

Uno sgambetto di non poco conto che Antonio Ricci e Striscia la Notizia hanno riservato a quelli di SkyUno che, se davvero dovesse essere Stefano il vincitore, si ritroveranno con il finale rovinato. Addio suspense, e già tra gli amanti di MasterChef Italia c'è chi ha storto il muso perché si è visto rovinare la sorpresa, anche se la curiosità di seguirsi Striscia la Notizia per conoscere il vincitore in molti casi è stata più forte del piacere di scoprirlo nell'ultima puntata.

Certo se dovesse andare proprio così Antonio Ricci ed il suo tg satirico dovranno fare i conti con penali piuttosto rilevanti. Comunque non ci sarebbe da stupirsi se la rivelazione fosse vera: lo avevano fatto anche con il Festival di Sanremo.

I migliori video del giorno



Nella puntata di martedì sera è stata offerta un'altra chicca: lo studente di agraria Nicolò in realtà avrebbe lavorato per più di un anno al "Sadler", un ristorante rinomato di Milano, e attualmente lavorerebbe per Carlo Cracco, uno dei giudici di Masterchef Italia. Queste rivelazioni fanno notizia perchè il regolamento prevede che i concorrenti non siano cuochi professionisti e che comunque non abbiano lavorato in cucine per un periodo superiore ai sei mesi: forse è il caso di dire che "il piatto è servito".