Nell'ultima puntata del Grande Fratello 14 si è parlato a lungo di un evento drammatico che ha segnato l'adolescenza di Federica Lepanto, una delle concorrenti più amate del pubblico del noto reality show italiano. La produzione del Grande Fratello ha infatti mandato in onda un video nel quale la ragazza confessa di avere sofferto moltissimo all'età di tredici anni. Non viene specificato l'episodio (o gli episodi) che hanno fatto soffrire la ragazza; la Lepanto, però, durante il filmato pronuncia questa frase: "Mi sentivo sporca per quell'odore addosso; per soffrire di meno ero arrivata a pensare che quelle cose non stessero succedendo a me".

Queste rivelazioni hanno fatto pensare al fatto che Federica abbia subito abusi sessuali quando aveva tredici anni. La ragazza, però, ha deciso di non rivelare esattamente che cosa l'ha fatta soffrire così tanto. Sul web ci sono state tante ipotesi, delle quali la più gettonata era appunto quella della violenza sessuale. Che cosa è accaduto a Federica Lepanto durante l'età adolescenziale? Se lo stanno chiedendo praticamente tutti i fans del Grande Fratello. A fare un po' di chiarezza ci ha pensato la signora Norma, la madre della ragazza. Ecco tutti i dettagli delle sue dichiarazioni. 

Le dichiarazioni della madre di Federica

I fans del Grande Fratello stanno letteralmente "bombardando" il web di commenti sulla storia di Federica Lepanto, di cui si è parlato nella prima parte dell'ultima puntata del Grande Fratello.

I migliori video del giorno

La madre della ragazza ha voluto chiarire la stuazione e lo ha fatto alzando un po' i toni. Norma ha smentito che sua figlia abbia subito abusi sessuali da piccola: "Vi chiedo di non fare più commenti su quello che è accaduto a Federica durante un periodo molto difficile della sua vita; mia figlia non si è mai prostituita e non ha mai subito abusi sessuali. Federica non ha mai detto una cosa del genere, ma ha fatto solo riferimento ad un disagio che per lei è stato fonte di grandi sofferenze durante l'adolescenza e ha aggiunto che non poteva parlarne con noi genitori".