La sesta stagione di Game of Thrones ha regalato momenti memorabili, con scene che i fan attendevano da tempo. Una delle più forti e cruente è stata quella della morte di Ramsay Bolton. Il diabolico protettore del Nord è in una cella nei sotterranei del castello di Grande Inverno. È impossibilitato a muoversi, bloccato su una sedia da delle corde, quando vengono fatti entrare i suoi feroci cani. La fine di Bolton, anche per chi non avesse visto la puntata, è facilmente intuibile. Una scena estremamente realistica, in cui si ha quasi la sensazione “fisica” di sentire i morsi degli animali e il rumore della carne che si lacera.

Image Engine

Per riuscire a dare la sensazione di estremo realismo di scene come questa, la produzione si avvale della collaborazione di una delle società di effetti speciali più importanti del cinema, la Image Engine.

Basti pensare che ha partecipato a film come Jurassic World, Zero Dark Thirty e District 9, pellicola quest’ultima che le ha fatto ottenere la nomination agli Oscar.

Gli effetti speciali

"La scena è stata creata a più riprese" ha spiegato il supervisore degli effetti visivi di Image Engine, Mat Krentz. "C’è stato un passaggio del cane su schermo verde, poi Ramsay sempre su schermo verde, e solo in seguito abbiamo fuso le due scene". I creatori avevano anche realizzato la mascella del cane che si attaccava al viso di Bolton, animando lo strappo della carne tra i denti dell’animale. L'effetto era troppo raccapricciante anche per gli standard di Game of Thrones, quindi la scena è stata, per così dire, ridimensionata. Il team creativo di Image Engine ha realizzato tutto l’episodio di Battle of Bastards (che termina con la morte di Bolton) ma prima di quella di Bolton si è occupata anche di tutte le altre morti dei personaggi della stagione, che si sviluppa nell’arco di 10 episodi.  Un sacco di lavoro, per rendere ogni momento memorabile.

I migliori video del giorno

"Alcune scene erano veramente specifiche, come quando ci è stato chiesto di ricreare una testa fracassata contro un muro" ha spiegato il composition lead Edwin Holdsworth. "Per ottenere il giusto realismo abbiamo girato con carne vera, come quella che potete trovare nei vostri negozi di fiducia, poi l’abbiamo distrutta”.

Trucco e computer

I risultati più realistici provengono però dalla combinazione di effetti pratici e di effetti generati dal computer. Ad esempio, le ferite di Jon Snow sono state applicate con il trucco e migliorate digitalmente. Anche il volto da “non morto” di Benjen Stark è stato realizzato in questo modo. Image Engine non si è limitata a creare morti e sangue, ma ha ricreato anche molti degli splendidi scenari della serie, tra cui la Cittadella, il suo astrolabio gigante, e persino la gelida parete della sala dei Guardiani della Notte. Per vedere tutto il lavoro di Image Engine per la Sesta Stagione guardate il video qui sotto:

#gameofthrones #RamseyBolton #VisualEffects