Paolo Meneguzzi, il cantante con la doppia cittadinanza italo-svizzera, conosciuto particolarmente per "Non Capiva che L'Amavo", "Lei è" e "Vero Falso", svela delle cose agghiaccianti sul panorama musicale e, in particolare, sulla piattaforma digitale iTunes, e lo fa tramite un post sulla sua pagina Facebook.

Paolo Meneguzzi recentemente ha pubblicato il singolo "Sogno d'Estate", il brano che ha usato per presentare l'album 20, che rappresenta i suoi 20 anni di carriera e contiene 20 brani, tra inediti, canzoni degli album precedenti e canzoni famose riproposte nello stile "meneguzziano", di cui non si sa ancora con certezza la data di uscita, ha fatto riferimento a tre agenzie in particolare, non citando i loro nomi, che l'hanno contattato, proponendogli una spesa di 10.000 euro per farlo entrare automaticamente primo nella classifica di una delle piattaforme più conosciute ed usata per acquistare singoli e album: iTunes.

Paolo ha fatto riferimento anche a Tiziano Ferro, specificando che è normale che un cantante come lui entri nella classifica, ma non si capacita del fatto che molte persone (che non ha citato, chissà a chi si stava riferendo) siano prime con brani improponibili o comunque con una fan base bassa.

"Chiaramente ho detto no. Anche perché primo non ci sono andato con Sogno d'estate" con questa frase, il cantante svizzero, fa capire che ha rifiutato l'offerta.

Il cantante specifica nelle ultime righe che, ovviamente, non lo fanno con tutti, ma cercano le persone adatte che potrebbero abboccare, e che di conseguenza le classifiche iTunes e di altri siti potrebbero essere pilotate.

Ennesimo colpo duro per la Musica italiana, dopo il video denuncia del cantante di X-Factor, Danilo d'Ambrosio, che denuncia un montaggio falso dalla redazione dei Talent, direttamente con un video che spiega la situazione successa direttamente sulla sua pelle e che ha ottenuto più di 500.000 visualizzazioni e milioni di consensi, facendo muovere tutt'Italia.

I migliori video del giorno

Per aggiornamenti cliccate Segui.