La miniserie 'Solo' ha esordito ieri sera su Canale 5 con grande soddisfazione di autori e interpreti, il successo del programma è stato decretato da picchi di ascolto davvero eccezionali: 4 milioni di telespettatori.

La storia è di quelle che ti tengono attaccato allo schermo: Marco Bocci, agente sotto copertura, nome in codice 'Solo', si muove in un mondo di omertà e di malaffare: narcotraffico, estorsioni, traffico esseri umani e di armi, sono il suo quotidiano. L'agente deve infiltrarsi nel clan dei Corona che controlla il porto di Gioia Tauro, la base di tutti i traffici illeciti del Mediterraneo.

Un intreccio molto riuscito

Lo scopo del racconto è quello di narrare l'ossessione di un uomo per il suo lavoro e nel contempo quello di approfondire le vicende umane dei protagonisti della storia, ecco che allora si assiste ad un mix molto riuscito e misurato tra l'azione, la tensione e la tenerezza.

Nella fiction trova posto anche anche una dolce e drammatica storia d'amore, quella di 'Solo' che, ad un certo punto, sembra disposto a mettere in discussione il consolidato rapporto con la sua donna per correre in soccorso di Agata, una ragazza destinata a diventare la vittima sacrificale del boss di cui è figlia.

Un grande interprete

Marco Bocci interpreta magistralmente il suo personaggio, un agente che è disposto a rischiare tutto per portare a termine la sua missione, ma è tormentato da molti conflitti interiori per il fatto di agire da infiltrato, insieme a Bocci ci sono altri bravissimi interpreti come Peppino Mazzotta (Fazio, nel commissario Montalbano) che interpreta il Boss Bruno Corona, e poi Diane Fleri, Renato Carpentieri e Carlotta Antonelli.

La fiction è molto realistica tanto anche uomini delle istituzioni come Raffaele Grassi, questore di Reggio Calabria, dopo aver visto puntata di 'Solo' ha espresso un giudizio molto lusinghiero sia sugli attori che sulla trama, la giudica estremamente pertinente e corrispondente alla realtà.

I migliori video del giorno

Su Bocci il parere di Grassi non lascia dubbi: 'ha saputo restituire tensioni e i conflitti di un poliziotto che opera sotto copertura'.