Capitano spesso nel momento in cui ci si organizza per le vacanze i dubbi a volte piccoli a volte grandi su come gestire il proprio cane.

Proprio come noi padroni anche per lui il cambiamento di ambiente è fonte di stress e per questo è sconsigliabile affrontare un viaggio con animali non in perfette condizioni di salute e non adeguatamente vaccinati,se si viaggia in auto bisogna fare diverse soste in cui il nostro amico possa bere, muoversi e espletare i suoi bisogni. 

E' bene informarsi prima della partenza sui rischi sanitari connessi alla meta di destinazione, poiché esistono patologie tipiche di specifiche aree geografiche, e in questo il nostro veterinario saprà consigliarci.

Se invece la nostra vacanza è all'estero, sarà necessario vaccinare il proprio cane contro la rabbia, visto che in molti paesi si riscontra ancora questa pericolosa malattia. 

Bisogna sapere e ricordare che dal  2004 è in vigore una normativa europea che prevede per cani, gatti, furetti in viaggio nei paesi della comunità siano muniti del loro passaporto, che può essere richiesto alla propria Asl.

Il passaporto è un documento che identifica l'animale, comprende anche la parte sanitaria che viene compilata dal veterinario con l'anamnesi medica del nostro amico 

E' sempre utile prima di partire informarsi presso l'ambasciata del paese di destinazione quali sono gli obblighi previsti dai regolamenti sanitari locali, e le quelli previsti dalle varie compagnie aeree, marittime e ferroviarie del posto.

I migliori video del giorno