Si avvicinano le #vacanze estive e, conseguentemente, la ricerca di nuovi luoghi di villeggiatura.

L'Italia, si sa, è terra di turismo variegato, capace di soddisfare ogni tipo di esigenza. Per gli amanti del bel mare, il nostro Paese offre spiagge incontaminate e fondali azzurri. La difficoltà maggiore consiste, spesso, nel prediligere una località a svantaggio di altre.

Per il turista desideroso di una vacanza lontana dalla confusione dell'alta stagione, ma competitiva in punto di qualità con le località più blasonate della penisola, il consiglio che si offre è quello di visitare l'Abruzzo, regione verde d'Europa.

Lungo i suoi 130 Km di costa adriatica l'Abruzzo può vantare ben 14 bandiere blu, assegnate dalla Fondazione per l'educazione ambientale (FEE) Italia.

Le località premiate sono equamente distribuite tra la costa settentrionale e quella meridionale, nelle province di Teramo e Chieti.

Ecco l'elenco completo:

  •  nel teramano: Martinsicuro, Alba Adriatica, Tortoreto, Giulianova, Roseto degli Abruzzi, Pineto, Silvi;
  •  nel chietino: Francavilla al mare, Ortona, San Vito Chietino, Rocca San Giovanni, Fossacesia, Vasto-Punta Penna/Vignola San Nicola, San Salvo.

Si ricorda che l'attestazione di Bandiera Blu è sigillo di qualità, poiché molto complessa è la procedura per l'ottenimento e la successiva riconferma del vessillo.

Sono molto diverse tra loro le spiagge che si incontrano lungo il litorale abruzzese.

I migliori video del giorno

La parte settentrionale presenta, infatti, lunghe spiagge sabbiose, stabilimenti balneari attrezzati, soprattutto per un turismo familiare con bambini al seguito, nonché una varietà di strutture ricettive moderne, adatte a tutte le esigenze.

Al centro della regione si trova Pescara, moderna e vitale città che, pur non essendo stata segnalata per la qualità del mare, merita tuttavia di essere visitata per la bellezza del suo lungomare, per la vitalità della vita notturna, nonché per le suggestioni offerte dal Ponte del Mare, di recente costruzione.

La costa a sud di Pescara si presenta, al contrario, rocciosa e frastagliata, caratterizzata dagli splendidi scenari offerti dai trabocchi dannunziani, antiche costruzioni dei pescatori che venivano utilizzate per la pesca.

La spiaggia torna a digradare, e a ritornare sabbiosa, verso Vasto, apprezzata località balneare al confine con il Molise.

A corollario delle bellezze marittime, e ad ulteriore sprone per coloro che non fossero ancora convinti della meritevolezza delle terre d'Abruzzo, si evidenza la presenza di una cucina regionale succulenta e variegata, ricca di piatti invitanti ed originali, a base di carne, pesce, oppure vegetariani.

Tutte queste caratteristiche depongono a favore di una vacanza all'insegna del relax, del buon mare e del divertimento. #Tutela ambientale