#Parigi è considerata una delle città più belle al mondo. Viene definita la "città dell'amore", una delle capitali della moda, centro della scienza e dell'industria, ma è possibile pensare ad essa anche come città della perdizione. Eh già, la tanto amata Parigi presenta luoghi dove il sesso non è più un taboo. Infatti nel quartiere a luci rosse della capitale francese, Pigalle, sorge il famosissimo Moulin Rouge, uno dei locali di cabaret più famosi della città. 

La città dell'amore

Parigi vanta l'indiscussa reputazione di città dell'amore. I suoi ponti, le sue strade e le sue piazze emanano un fascino particolare, capace di ammaliare tutte le coppie di fidanzati e non.

Il periodo più bello, come per tutti i centri urbani, è quello estivo, dove si può passeggiare tra i negozi di Champs-Elysées. Questa importantissima strada si estende dall'Arco di Trionfo alla Place de la Concorde. Altro luogo da visitare nella capitale francese è sicuramente il Museo del Louvre: la maestosa piramide di vetro, all'ingresso accoglie ogni anno quasi 9 milioni di visitatori, che da ogni parte del mondo si recano a Parigi per ammirare le meravigliose opere di pittori come Giotto, Raffaello, Tiziano, Michelangelo, anche se l'attrazione per eccellenza è senza dubbio "La Gioconda" di Leonardo Da Vinci. 

Un'altra meta irrinunciabile è la Cattedrale di Notre Dame, il principale luogo di culto cattolico della metropoli transalpina, che rappresenta una delle costruzioni gotiche più famose al mondo.

I migliori video del giorno

Un quartiere interessante è anche Montmartre: nel 1800 era il quartiere "maledetto", dove si recavano tutti gli artisti squattrinati in cerca di fortuna, e i borghesi annoiati con il pallino delle prostitute e del Moulin Rouge. La zona latina di Parigi, dove c'è un'atmosfera "effervescente" grazie ai locali e ai "cafè" aperti sia di giorno che di sera per tutto l'anno. Uno degli ultimi, ma forse il più importante monumento di Parigi, è la Tour Eiffel: respinta, criticata e poi finalmente amata, questa grande struttura in ferro, la cui punta sembra voler toccare le nuvole, è il simbolo della città.

Gli attentati del 13 novembre 

La capitale ha subito molti danni a livello turistico, per via degli attentati del 13 novembre che hanno seminato morte e terrore nelle strade. Attacchi terroristici organizzati dall'Isis, che ha colpito in contemporanea sia il teatro Bataclan, sia l'ingresso dello stadio "Parco dei Principi", durante la partita Francia - Germania. Dopo molte turbolenze, in ogni caso, Parigi si è ripresa. Ora è di nuovo al centro del turismo europeo e meta consigliata per i viaggi estivi, ma anche natalizi.  #Esteri