Pubblicità
Pubblicità

#Whatsapp mantiene il primo gradino del podio fra le applicazioni più utilizzate nel 2017 da chi possiede un semplice smartphone. Il suo fondatore, e successivamente il gruppo Facebook che ha acquistato il colosso di messaggistica, hanno creato un vero e proprio impero economico sul servizio di chat, fautore dell'addio quasi definitivo ai vecchi sms. Si è passati da un'applicazione base con le necessarie funzionalità, ad una ricca di opzioni [VIDEO]come le storie, gli stati, le spunte di conferma lettura, le note vocali, l'archiviazione di chat e media ed una serie, molte volte anche sconosciuti, di 'trucchi'.

Funzionalità poco conosciute

Molti son convinti che WhatsApp può essere usato solo in possesso di un numero di cellulare, ed in parte hanno ragione: diversi esperti di tecnologia hanno, però, scovato alcuni metodi per aggirare l'autenticazione, il primo metodo consiste nello scaricare sul proprio pc un simulatore di tablet al quale collegare successivamente la propria applicazione attraverso il Qr-Code, mentre la seconda possibilità sta nello scaricare Spoof Messages per procedere all'autenticazione senza aver inserito il proprio numero.

Pubblicità

Altro trucchetto divertente da provare su #Android è quello di usare il misuratore di popolarità, attraverso la funzione disponibile in Impostazioni - Account - Usa Network, che consente di visualizzare i #messaggi inviati, ricevuti e byte consumati. Di pari passo con tale curiosità, c'è invece la possibilità di inviare gif animate, molto diffuse su altri social network come Facebook, e adesso disponibili anche sui dispositivi IOS e Android.

WhatsApp ha, infatti, ampliato le funzionalità del proprio servizio aggiungendo proprio la procedura per poter inviare le gif, per esempio quelle dal famoso sito Giphy.

Numero in rubrica si o no?

Particolarmente interessante inoltre la possibilità di scoprire se qualcuno a noi 'sospetto' ha il nostro numero salvato in rubrica su WhatsApp, grazie alla funzionalità Broadcast presente nel noto servizio di messaggistica.

Pubblicità

Basta, infatti, inviare proprio con la modalità Broadcast un messaggio a due destinatari, uno magari quello di un vostro genitore, e l'altro quello della persona dalla quale si vuol capire se ha memorizzato o meno il nostro numero.

Una volta partito il messaggio, comparirà l'elenco delle persone alle quali è stato consegnato lo stesso, e chi l'ha letto: se il 'consegnato' compare in entrambi i numeri [VIDEO], significa che il nostro controllato ha il numero memorizzato il numero in rubrica; in caso contrario, ovvero di mancata consegna, il soggetto controllato non ha salvato in rubrica il nostro contatto.