'Amnistia e indulto sono l'unico modo per dare una risposta immediata, sia pure temporanea, al problema. Aspetto di conoscere il segretario del Pd #Matteo Renzi, ma sicuramente si potranno trovare punti di incontro'. Lo ha detto Piero Longo, avvocato e deputato di #Forza Italia di #Silvio Berlusconi, in un'intervista pubblicata oggi sul quotidiano romano Il Messaggero.

Parlando delle riforme sulla giustizia "bisogna capovolgere le logiche – ha detto Longo - e in questo devo dire che Matteo Renzi è veramente l'uomo nuovo della sinistra e del suo partito". Tornando ai provvedimenti di clemenza generale chiesti dal presidente Napolitano con un messaggio alle Camera e invocate anche dal ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri "è meglio una risposta temporanea che nessuna risposta – ha detto il deputato azzurro Longo -.

Pubblicità
Pubblicità

La situazione del nostro sistema carcerario è tragica e servono soluzioni immediate e soluzioni a regime".

"Per alleggerire l'affollamento nelle carceri – ha aggiunto il parlamentare di Forza Italia - basterebbe controllare che la carcerazione preventiva avvenga solo nei casi strettamente necessari e nel rispetto del principio di innocenza stabilito dalla Costituzione italiana. Ma devo dire che, nonostante la legge preveda che si ricorra alla custodia cautelare solo in casi limitati, poi in pratica i gip su richiesta dei pm – ha dichiarato a Il Messaggero il deputato Longo - appaiono di manica tanto larga nell'applicazione della custodia cautelare in carcere''.

E' il problema del sovraffollamento carcerario, dopo la condanna da parte della Corte di Strasburgo per violazioni dei diritti umani nelle carceri italiane, il protagonista dell'apertura del nuovo anno giudiziario.

Pubblicità

Intanto tornano a manifestare per chiedere indulto e amnistia i radicali italiani, l'iniziativa è in programma sabato 25 gennaio davanti le Corti d'Appello di tutta Italia in occasione dell'inaugurazione dell'anno giudiziario 2014.

Intanto oggi 23 gennaio in commissione Giustizia al Senato c'è all'ordine del giorno l'esame congiunto dei quattro ddl per la concessione di indulto e amnistia - che nella seduta di ieri non sono stati affrontati - presentati dai senatori Manconi, Compagna, Barani Buemi più altri, mentre è attesa in Parlamento la calendarizzazione della discussione sul messaggio alle Camere inviato l'8 ottobre scorso dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano sulla questione carceraria.