Nei nuovi #Sondaggi politici elettorali divulgati da Ipsos il 3 marzo 2015, si può notare il sorpasso della Lega nord (14,7%) su Forza Italia (13,1%), ed ora il partito del Carroccio punta il Movimento 5 Stelle (19,7%). Si dovesse associare un brano musicale all'avanzata del partito di Matteo Salvini, si potrebbe optare per la celebre composizione presente all'inizio del terzo atto di Richard Wagner, ovvero La Cavalcata delle Valchirie. Certo lo scenario politico elettorale e le intenzioni di voto degli italiani sono ancora molto lontani per poter competere con una forza costruita come il Pd (36,5%), ma è anche vero che questa rincorsa della Lega nord per avere un Paese più democratico per gli italiani inizia a far paura anche a Matteo Renzi.

Pubblicità
Pubblicità

Ma i sondaggi politici elettorali cambiano quando si tratta di coalizioni politiche possibili. Se da una parte il Centrosinistra (40,5%) sarebbe composto da Pd e da altre liste minori, dall'altra il Centrodestra (37,1%) avrebbe qualcosa da ridire con Lega nord, Forza Italia, Fratelli d'Italia, NCD e UDC, con il Movimento 5 Stelle (19,8%) che non farebbe parte di alcuna coalizione.

ALTRE COALIZIONI POSSIBILI

  • PD (37,5%);
  • Destra: Lega nord, Forza Italia e Fratelli d'Italia (33,8%);
  • Movimento 5 Stelle (21,5%).
Ma il rischio è ora che alcuni possano cambiare casacca, come già avvenuto, ed altri che formino un proprio gruppo, come l'ultimo di Toscani e Baggio che sono usciti dal gruppo della Lega Nord in Consiglio regionale Veneto e avrebbero deciso di formare "Impegno veneto". Sicuramente la Lega nord ha beneficiato del buio temporaneo di Forza Italia e del suo leader Silvio Berlusconi, ma è anche vero che gli italiani iniziano ad abbracciare un nuovo tipo di politica, forse più concreta rispetto alle molte parole dell'attuale Presidente del Consiglio. E infine, c'è la politica restrittiva di Grillo, che forse potrebbe aprirsi ad una nuova svolta, quella degli italiani che non sperano più in una ripresa economica e che rivogliono la propria terra, il proprio lavoro e le proprie case. Come andrà a finire?