Il presidente #Barack Obama, oggi 4 agosto, ha compiuto il suo ottavo compleanno come presidente degli Stati Uniti: durante questi anni ha affrontato varie sfide, dalla forte crisi finanziaria internazionale, ai vari conflitti in medio oriente, alle rinnovate tensioni con la Russia. Nei sui mandati vi sono anche grandi successi, come la riapertura del dialogo con Cuba e un avvicinamento ai paesi latino americani. Anche a livello personale le sfide sono state molte: le due figlie da bambine sono diventate ragazze e hanno fatto una vita molto diversa rispetto alle coetanee.

Un gran regalo per il presidente

Per i sui 55 anni appena compiuti, il leader americano ha ricevuto un regalo veramente inatteso: secondo i sondaggi si trova nel suo miglior momento di questo secondo mandato, avendo un 54% di approvazione cittadina, dato che fa ben sperare alla candidata del suo partito Hillary Clinton.

Pubblicità
Pubblicità

Oltre alle opinioni popolari positive, il presidente ha partecipato a un evento e dichiarato essere un fautore del femminismo e di aver lottato per l’uguaglianza senza distinzioni di razza e sesso durante i suoi due mandati e garantendo l’aspirazione della aspirante presidente di continuare il cammino da lui tracciato.

La nuova faccia degli USA

Analizzando i presidenti americani e le battaglie che hanno dovuto combattere ci si rende conto che dalla caduta dell'Unione Sovietica, l'8 dicembre 1991, e la conseguente perdita del nemico storico, ogni presidente ha affrontato minacce molto simili, ma con nomi diversi.

George Bush padre ha lottato contro l’Iraq governato da Saddam Hussein, William (Bill) Clinton ha visto finire il precedente conflitto e la nascita di uno nuovo, George Bush figlio ha dovuto affrontare la minaccia di Al Qaeda, organizzazione paramilitare jihadista e per ultimo Obama con un nemico dalla bandiera nera chiamato ISIS.

Pubblicità

Chissà se ci sarà, e che nome avrà, un nuovo nemico assoluto che il nuovo presidente degli Stati Uniti dovrà affrontare, sia che a vincere sia Trump, che la Clinton. #Elezioni USA #Isis