Il viceministro del governo turco Numan Kurtumus ha sostenuto che c'è il forte rischio dello scoppio della guerra tra USA e #russia. Il viceministro dell'Interno turco ha sostenuto che la guerra sarà praticamente "inevitabile" se non si troverà presto una soluzione ai contrasti che regnano tra Stati Uniti D'America e Russia. Kurtumus ha sostenuto che la guerra civile siriana ha portato il mondo sull'orlo "dell'inizio di una nuova guerra su grande scala, regionale o globale".

La 'nuova guerra fredda' tra Stati Uniti e Russia

Da diverso tempo si sostiene esserci una vera e propria 'nuova guerra fredda' che contrappone gli interessi militari e geopolitici degli Stati Uniti e della Russia. Questa situazione critica risulta particolarmente visibile nel contesto del conflitto siriano così come nelle aree ex sovietiche dell'Europa orientale, aree dove si scontrano gli interessi della NATO e del governo russo. Particolarmente critica risulta essere la questione dell'Ucraina, dove è in atto una guerra civile tra le forze militari del governo filo-occidentale e quelle dei separatisti filo-russi.

Pubblicità
Pubblicità

L'allarme di Gorbaciov sullo scoppio della Terza Guerra Mondiale

Il clima dei rapporti diplomatici e militari tra i paesi dell'Alleanza Atlantica e la Russia risulta essere sempre più incandescente e critico, tanto che da diverso tempo molti opinionisti e ricercatori sostengono che vi sia il reale rischio dello scoppio di una nuova guerra mondiale. Tali preoccupazioni sembrano condivise anche dall'ex presidente dell'Unione Sovietica Michail Gorbaciov, il quale ha recentemente sostenuto che i rapporti tra USA e Russia non sono stati mai così negativi dai tempi della crisi dei missili cubana e che c'è il forte rischio dello scoppio della 'terza guerra mondiale'.

Nell'intervista rilasciata a "Ria Novosti", Gorbaciov ha sostenuto che è necessario riprendere il dialogo tra le due superpotenze e in tal modo prevenire l'insorgere di nuovi conflitti che possono portare allo scoppio di una guerra su scala globale.

Pubblicità

#geopolitica #Esteri