Dopo gli allagamenti di ieri 31 gennaio 2014 che hanno letteralmente messo in ginocchio il Centro Italia ci attende un altra allerta meteo da domani 1 febbraio 2014. La giornata di ieri è stata molto difficile per gli abitanti della Toscana e del Lazio dove l'Arno ed il Tevere erano i monitorati speciali.

Ma se loro non hanno creato i danni maggiori, i fiumi minori in piena e le fognature adiacenti hanno reso Roma un'acquitrino con il traffico in tilt su Grande Raccordo Anulare e chiusura di 3 stazioni della metro A. La Toscana ha subito l'attacco più forte mettendo sott'acqua parte della Maremma e città come Ponsacco, Livorno.

Pisa dove l'Arno aveva minacciato seriamente la città della torre pendente. A Volterra sono cadute parte delle mura medievali della città con danni inestimabili.

Oggi sabato 1 febbraio 2014 dopo temporanee schiarite potrebbe nuovamente piovere in modo meno intenso sul Centro Italia dopo le piogge incessanti di ieri; mentre la neve farà la sua comparsa sopra i 1000 metri in Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige, Veneto ma sarà il Meridione ad essere bersaglio della depressione. Qui la Protezione Civile avverte che potrebbero verificarsi precipitazioni e venti di burrasca molto imponenti.

Domenica 2 febbraio 2014, nuove piogge si prospettano all'orizzonte. Questa volta saranno coinvolte nel forte maltempo la Calabria, Puglia e la Sicilia orientale con mari agitati e venti di tempesta, anche se le temperature resteranno sopra la norma.

Le altre zone d'Italia vedranno un' alternanza di schiarite e precipitazioni.

Questa nuova fase di maltempo è dovuta ad una circolazione umida meridionale che instaurandosi nel bacino del Mediterraneo, favorisce piogge con accumuli ingenti fino a 120-130 ml. L'inizio della settimana vedrà l'azione di una bassa pressione che ci farà compagnia fino a circa l'8 di febbraio con piogge con alternanza di schiarite e precipitazioni nevose dai 700-1000 metri al nord. Per vedere tempo stabile ed un anticipo di primavera dovremo attendere l'alta pressione sub-tropicale che potrebbe recuperare terreno da sabato prossimo in poi.