Il caldo asfissiante continua senza mollare. Sono ormai 20 giorni che l'Europa è colpita da un anticiclone africano che sta portando la colonnina di mercurio su livelli davvero impressionanti. Temperature di 35 gradi in Pianura Padana, a Perugia si registrano 37 gradi mentre nella zona di Caserta siamo a 38 gradi.

L'umidità creerà forti disagi alla popolazione

Ma non è solo questo che rende pericolosa la situazione; l'umidità e, conseguentemente, l'afa stanno creando forti disagi a tutta la popolazione. Durante il fine settimana, leggero abbassamento della temperatura sulla zona alpina con qualche temporale.

La situazione peggiore, nei prossimi giorni, sarà, probabilmente, nelle regioni del centro-sud con la Puglia che dovrà subire una temperatura che si porterà intorno ai 40 gradi. L'inizio della prossima ssettimana vedrà un ulteriore rialzo della pressione.

Nella città di Torino, le temperature hanno registrato 5 gradi in più rispetto alla media del periodo

Il mese di luglio diventerà, con una buona probabilità, il più caldo degli ultimi 150 anni. Questa notizia è stata data da MeteoSvizzera, un sito specializzato in meteorologia che ha evidenziato come il nord-Italia sarà colpito da una forte ondata di calore. A titolo di esempio, nella città di Torino le temperature registrate nei primi 15 giorni del mese hanno superato nettamente (5 gradi) la media stagionale per questa zona geografica.

Intanto, il livello delle acque del Po sta scendendo spaventosamente toccando gli stessi livelli già visti negli anni 2003 e 2006. La situazione potrebbe apparire drammatica, in alcuni casi, quando a soffrire per questa condizione sono gli anziani e tutte quelle persone che hanno problemi di salute.

Vedremo nei prossimi giorni cosa succederà anche se, dall'analisi effettuata a lungo termine, si evidenzia una situazione che non cambierà dal punto di vista delle temperature. Solamente qualche temporale previsto, nell'ultima settimana del mese, riuscirà a dare un po' di refrigerio, utile per farci vivere un'estate in maniera più accettabile.

Segui la pagina Previsioni Meteo
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!