Trema la terra al largo delle coste della Calabria. Una forte scossa di magnitudo 4.0 Richter è stata registrata alle 8.58 di questa mattinacon epicentro ad alcune decine di chilometrida Paola, in provincia di Cosenza. Non si segnalano danni. Secondo le rilevazioni dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, il Terremoto si è sprigionato ad una profondità di circa 240 chilometri lungo la costa calabra nord occidentale del Mar Tirreno. A non molta distanza, alle 6.11 del mattino, nella stessa zona era stata registrata un’altra scossa, di magnitudo 2,8 Richter.

Diversi sono stati gli eventi sismici che si sono verificato nella zona negli ultimi novanta giorni, tutti però di magnitudo inferiore a quello che si è verificato oggi.

La zona, dove è stato localizzato il sisma, si trova a ridosso della fascia di pericolosità sismica massima, come evidenziato dalle mappe dell' INGV ed ha una storia sismica molto importante. Infatti, si possono ricordare una decina di eventi distruttivi che, però, si sono sempre verificati sulla terraferma. Il primo che la storia ricorda si verificò nel lontano 27 marzo 1638 ed ebbe una magnitudo stimata di 7.0 gradi con gravi danni in provincia di Cosenza e Catanzaro ed oltre 15.000 morti. Dopo soli due mesi, un nuovo terremoto colpì il Crotonese e causò ingenti danni e gravi distruzioni.

Per tre anni, poi, dal 1783 al 1786, si verificarono nella Calabria Meridionale diverse scosse di forte intensità che causarono un enorme dissesto idrogeologico, rasero al suolo oltre 200 comuni e provocarono oltre 30.000 morti.

Il 16 novembre 1894 iniziò, poi, la serie di terremoti che colpirono lo Stretto di Messina che culminò col terremoto del 28 dicembre 1908. Questo è stato uno dei terremoti più forti che si sono mai verificati in Italia. Raggiunse una magnitudo di 7.2, provocando distruzioni in Calabria e nella Sicilia orientale. In totale le vittime ufficiali del sisma furono 80.000 ma, considerando che molte persone all'epoca non erano registrate all'anagrafe, furono stimate in 120.000.

Segui la pagina Terremoto
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!