Secondo gli scienziati il 14 Novembre sarà un giorno davvero speciale: la luna raggiungerà il punto massimo di luminosità e vicinanza alla terra, e sarà ben visibile ad occhio nudo. E' dal 1948 che questo non avviene. Il fenomeno è legato alle fasi dell'orbita lunare che, descrivendo un'ellisse, presenta due punti di primaria importanza: l'apogeo, ovvero il più distante dalla terra, e il perigeo, ossia il più vicino. La luna sarà così la protagonista incontrastata della serata del 14 Novembre, tenendo con il naso all'insù migliaia di persone, certi che un tale fenomeno si ripeterà in fururo solo tra molti decenni.

La posizione della Luna.

La luna si troverà a soltanto 356.508 kilometri da noi, una circostanza che non si ripeterà prima dell'anno 2034. Se il cielo è sereno potremo vedere un disco lunare più grande del 14% e più luminoso del 30% rispetto al solito, un fenomeno spettacolare e raro. Oltre allaSuperluna potremo vedere, nel cielo di Novembre, favolose costellazioni, sfavillanti pianeti e altri interessanti fenomeni.

Il primo scenziato ad utilizzare il termine di "Superluna" fu Richard Nolle, il quale lo ha usato questo per definire un "novilunio o pleniluvio che si verifica quando la luna si trova al, o vicino, al 90% del punto di minima distanza dalla terra in una data orbita".

C'è un'associazione strettamente correlata tra la Luna e le maree oceaniche, la quale ha portato a credere che in presenza di una Superluna aumenti anche il rischio di fenomeni come terremoti ed eruzioni vulcaniche.

Queste sono solo teorie non confermate dagli scienziati, i quali invece affermano che solo le maree potrebbero essere un pò più ampie rispetto al solito, senza comunque creare danni evidenti.

In ogni caso saranno molti gli occhi puntati verso il cielo, perchè tanti sono coloro che sono affascinati da questi fenomeni rari che l'universo ci offre. Spettacoli naturali ogni volta sempre nuovi e affascinanti, che nessuno vorrà perdere. Stelle, costellazioni e pianeti si mostreranno in tutta la loro bellezza.