Agrigento, 14 Maggio: alla Scuola “Tortorelle” crollano grossi calcinacci. Nei giorni scorsi si èsfiorata la tragedia: due fratellini di3 e 9 anni, si recano in bagno; il più grande che frequenta la 3° elementare,con fare protettivo accompagna il più piccolo, che frequenta il secondo annodella scuola materna quando, all'improvviso, dal soffitto si staccano deigrossi calcinacci.

Poteva essere una tragedia,potevano essere due vite spezzate, una famiglia distrutta, ma per puro caso oper un vero miracolo il fratello maggioreè riuscito a spostare il piccolo evitando il peggio.

I Vigili del Fuoco e laProtezione civile, intervenuti subito dopo il crollo, hanno appurato che lacaduta del soffitto è stato probabilmente causata da una disattenzione; inparticolare sarebbero stati lasciati aperti dei rubinetti al piano superiorecon conseguente infiltrazione d'acqua.

Tutto ciò ha messo a dura prova l'intonaco del soffitto, tanto che due mesi faalcune classi del piano superiore erano state dichiarate inagibili. Solo in unsecondo momento si è ripreso a far lezione tranquillamente.

Il tutto si è concluso conun grosso spavento ma, per bimbi, genitori, maestre, adesso restano i traumi, edè facile immaginare i due piccolini con la fobia che anche a casa cada il tetto.Per loro non sarà facile tornare alla normalità.

Il padre dei due bambini,Giuseppe Antonio Lentini ancora sotto shock, ha scritto al Ministrodell’Istruzione, Maria Chiara Carrozza, invitandola a venire ad Agrigento. L’uomochiede un segnale forte, chiede attenzione per l'accaduto, non vuole che iltutto si concluda con il solito ping-pong di responsabilità tra scuola ecomune.

I consiglieri comunaliGalante, Spinnato, Galvano, Gramaglia e Sollano, componenti della quintaCommissione consiliare, hanno presentato una interrogazione al Sindaco eall’Assessore comunale alla Pubblica istruzione.

Anche il presidente del Consiglio di circolo dell'istituto comprensivo Agrigento Bassa, Giovanni DiMaida, si è fatto sentire ribadendo il diritto dei figli di frequentare scuoleche siano sicure sul piano strutturale.

Segui la nostra pagina Facebook!