La partita Italia - Bulgaria verrà trasmessa venerdì su Rai Uno alle 20:45 e c'è già molta attesa per questo importante evento calcistico, che metterà di fronte la prima e la seconda in classifica del girone B europeo delle qualificazioni mondiali a Brasile 2014. La Bulgaria viene annunciata in splendide condizioni di forma, decisa a tentare il colpaccio, anche perché non ha nulla da perdere e vincere in Italia è sempre prestigioso.

Vedremo quali saranno le contromisure tattiche di mister Cesare Prandelli, che lamenta l'assenza di diverse pedine importanti per il suo gioco a cominciare da Supermario Balotelli.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Serie TV

Peccato anche per l'infortunio al centrocampista juventino Marchisio, che ci sembrava particolarmente adatto a una partita che stimola le caratteristiche dei calciatori dinamici, che alla buona tecnica di base uniscono doti atletiche di rilievo.





Come abbiamo detto, la partita verrà trasmessa venerdì su Rai Uno alle 20:45 in diretta dallo stadio Barbera di Palermo. L'Italia guida la classifica con 14 punti seguita proprio dai bulgari a quota 10. Sulla panchina della Bulgaria siede una vecchia volpe del calcio europeo come Ljuboslav Penev, elemento che vanta un passato dignitoso (forse lo ricorderete impegnato ai Mondiali di Usa 1994) e che cercherà di estrarre dal cilindro della sua esperienza qualche valida soluzione per dare fastidio agli azzurri durante Italia-Bulgaria.



Italia - Bulgaria è una partita che Prandelli vuole assolutamente vincere per motivi di classifica, visto che in caso di tre punti conquistati la qualificazione ai Campionati del mondo sarebbe possibile già martedì 10 settembre 2013 nella gara di ritorno contro la Repubblica Ceca nell'incontro che sarà giocato a Torino.

I migliori video del giorno

In fase d'attacco Prandelli pare orientato a puntare con decisione sulle note qualità in penetrazione di Alberto Gilardino che sta giocando nel Genoa, a lungo vanamente inseguito dalla Roma di Rudi Garcia, dove sembra avviato a vivere una seconda giovinezza.