La sparata di Barbara Berlusconi incomincia a far sentire i suoi effetti? Forse, viene da dire. Di certo si deve registrare che, da oggi, la società calcistica Milan cambia sede: da Via Turati gli uffici dirigenziali si trasferiscono in Zona Portello.

Per il resto, nulla di nuovo, a parte una solenne riunione di famiglia in casa Berlusconi. Il Presidente convoca a pranzo ad Arcore, a Villa San Martino, tutti i figli. Il pomeriggio i figli lasciano alla spicciolata la villa del padre, ma nulla trapela.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Milan

Niente comunicati, niente colpi di scena, nessun cambiamento imminente.

Il buon Massimiliano Allegri, l'eterno precario, intanto continua a ballare sui tizzoni ardenti, ma ormai non ci fa più tanto caso, si è abituato e adattato.

Lo fa da due anni e mezzo, ma sempre seduto in panchina sta. Certo, parrebbe proprio che la fine della tortura sia imminente, ma ancora non è detta l'ultima parola. Sopra la sua testa aleggia sempre più pressante e fastidiosa l'ombra di Pippo Inzaghi, mitico "bomber" della recente storia milanista e stimatissimo tecnico della Squadra Primavera, da tempo destinato ad approdare alla guida della prima squadra, dopo il necessario apprendistato nell'ambito societario.

In quanto a Galliani, il suo lungo mandato è giunto a scadenza e dalla prossima primavera la gestione e l'amministrazione dell'ambito sportivo passerà in altre mani. Tutto già deciso tra Presidente e Amministratore Delegato, di fronte alle pressioni delle giovani leve familiari, decisione presa tra fraterni amici e con il solo obbiettivo di mirare al bene della società.

I migliori video del giorno

Naturalmente non se ne saprà nulla e l'evento sarà del tutto naturale e scontato.

Siamo solo alla premessa del romanzo, la storia è ancora tutta da tracciare e narrare, ma, da qui a qualche mese, tutto sarà chiaro. Buona lettura a tutti...