Nonostante la sconfitta subìta contro la Juventus, che per adesso rallenta un pò la corsa-scudetto del Napoli, il Presidente del club azzurro Aurelio De Laurentiis non è per niente avvilito e non si dà per vinto. Anzi contrariamente a quanto si possa pensare il suo umore è altissimo, nonostante la sconfitta di Torino, nonostante la perdita del secondo posto in classifica, nonostante le critiche mossogli dal tecnico juventino Antonio Conte.

Ecco alcune dichiarazioni del Patron del Napoli, estrapolate durante il convegno ''Cittadinanza sportiva'' al Maschio Angioino.

Un ko che non ha intaccato l'umore del numero uno azzurro:" Deluso? Se dovessi essere deluso io allora gli altri come dovrebbero sentirsi? Sono al settimo cielo.Ho già dimenticato tutto. Le parole di Conte? Porgiamo l'altra guancia".

Gli azzurri in questo scorcio di stagione in campionato hanno totalizzato finora 28 punti, frutto di 9 vittorie 1 pareggio e 2 sconfitte. Sconfitte patite in trasferta contro Roma e Juventus, le prime due squadre del campionato. Gli azzurri hanno realizzato qualcosa come 24 reti e subìto 11 goal; In Champions League, gli uomini di Benitez, finora si sono arresi solo all'Arsenal in trasferta per 2-0; però sono riusciti a battere Borussia Dortmund al San Paolo di Fuorigrotta e  il Marsiglia in casa e fuori.

Un cammino buono per una squadra che quest'anno ha cambiato tecnico e buona parte dei giocatori; Gonzalo Higuain in 13 gare ha realizzato 8 reti. E sta sostituendo degnamente Cavani, partito per altri lidi (Psg).

Il Presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis ha ancora reso delle dichiarazioni alla stampa riguardo i cori di scherno dei tifosi juventini nei confronti di quelli del Napoli: "Quando vedo migliaia di persone negli stadi che insultano un popolo con frasi che non voglio ripetere non lo trovo disgustoso, ci rido sopra.

Possiamo discutere sul Vesuvio che dovrebbe coprire tutto come vedo scritto da qualcuno. Io ci rido e mi diverto. Lo prendo come uno sfottò, un incitamento per una città che da anni, da secoli aspetta il risveglio".