Ai mondiali Brasile 2014 gli appassionati di calcio potranno vedere all'opera tantissimi campioni provenienti da ogni angolo del globo. Eppure nemmeno in Sudamerica potremo vedere davvero tutti i migliori giocatori del mondo, perchè alcuni questi mondiali dovranno vederseli da casa. Qualche nome? Il primo di tutti è ovviamente quello di Zlatan Ibrahimovic, eliminato agli spareggi di qualificazione dal Portogallo. Stiamo parlando forse del più forte centravanti che c'è in circolazione, eppure quest'estate rimarrà a guardare gli altri. Proprio come Gareth Bale, l'asso gallese del Real Madrid che lo ha pagato ben cento milioni di euro.

Un giocatore unico nel suo genere, che può giocare in tante posizioni, che segna tanto e fa segnare. Anche per lui, però, niente mondiale. Chissà se riuscirà mai a giocarne uno in carriera.

Anche un altro centravanti di grande spessore come Mario Gomez non ci sarà in Brasile, ma il suo è un altro caso. Probabilmente se il tedesco della Fiorentina non avesse patito tanti infortuni in questa stagione oggi sarebbe senz'altro nella lista di Loew. Senza contare gli italiani (le esclusioni di Gilardino e Criscito hanno fatto parlare), non bisogna dimenticare che ai mondiali non vedremo nemmeno altri giocatori di primo piano del nostro campionato.

Ancora qualche nome: Borja Valero, ad esempio, che nella Spagna non ha trovato posto.

Stessa cosa dicasi per Callejon, autore di un grande campionato ma non convocato per i mondiali. E che dire di Tevez? L'Argentina è riuscita a trovare cinque attaccanti più forti di lui. Che fortuna. E anche in Francia evidentemente la qualità non manca, visto che Deschamps ha lasciato a casa un campione come Nasri. Che, sicuramente, non l'avrà presa benissimo.