Annuncio
Annuncio
I campioni del mondo dopo l'inutile amichevole persa contro l'Argentina affrontano gli scozzesi alla prima partita valida dei gironi di qualificazioni agli Europei 2016 in Francia. Nonostante le numerose assenze tra le file tedesche tra cui il fantasista del Arsenal Mesut Ozil, i due potenti centrali di centrocampo Sami Khedira e Bastian Schweinsteiger e il colosso della difesa tedesca e del Borussia Dortmund Mats Hummels, Joachim Loew riesce a schierare una formazione di tutto rispetto avendo in rosa tanti talenti tedeschi sbocciati negli ultimi anni grazie anche agli investimenti nelle giovanili delle squadre militanti in Bundesliga e nelle giovanili tedesche.


La Germania parte con lo stesso modulo vincente agli ultimi Mondiali in Brasile, con tra i pali il miglior portiere al mondo Manuel Neuer e la difesa a quattro con al centro Boateng e Howedes e sulle fasce i due giovani talenti Erik Durm e Rudy. A centrocampo il regista del Real Madrid Toni Kross simbolo della mediana tedesca affiancato dall'ottimo talento Christoph Kramer inseguito a lungo quest'estate da Napoli e Juventus. In attacco Loew decide di lasciare in panchina il bomber della viola Mario Gomez non al meglio delle condizioni fisiche e schiera quattro trequartisti adottando la tattica del falso nove, con Schurrle, Reus, Muller dietro a Gotze.


La Germania domina la partita creando numerose palle goal ma concretizzando davvero poco. Ad aprire le marcature ci pensa il solito Thomas Muller che riesce a segnare al minuto 18' grazie a un pregevole colpo di testa. Il resto della partita è un possesso di palla da parte dei tedeschi con azioni veloci e combinate sempre a cura dei trequartisti Schurrle, Reus e Muller che divorano l'impossibile. La Scozia riesce zittire il pubblico di casa pareggiando al minuto 66' con una veloce azione in contropiede conclusa in rete dal esterno Ikechi Anya che non sbaglia davanti a Neuer. Ma come sempre neanche 4 minuti e al 70' ancora Thomas Muller insacca a 3 metri dalla porta e riporta in vantaggio i tedeschi, chiudendo le marcature della partita sul 2 a 1.