Zlatan Ibrahimovic, attaccante svedese, giramondo del calcio. Ha militato in vari campionati e squadre prestigiose, lasciando il segno ovunque abbia militato a colpi di genio e grandi giocate, vincendo svariati titoli sebbene nel suo curriculum manchino, per ora, una Champions league e una Coppa del Mondo. Per la prima potrebbe provarci ancora una volta con il Paris st Germain, non essendovi riuscito con altri club prestigiosi quali Inter, Milan e Barcellona (questi ultimi, ironia della sorte, l'hanno conquistata appena se ne è andato lui), mentre è più difficile il discorso per la seconda, visto che la nazionale svedese non riesce a sfornare da diversi anni talenti del suo livello.

Anzi, spesso non è neppure arrivata alle fasi finali del Mondiale, come successo in Brasile.

La carriera

Esordì nel Malmo, sua città d'origine, nel 1999, per poi passare all'Ajax nel 2001 e alla Juventus nel 2004 (dove vinse i due scudetti poi sottratti al club con Fabio Capello); poi l'approdo nelle squadre succitate e ora Zlatan, fermo ai box per un infortunio, ha voluto omaggiare gli innumerevoli campioni con cui ha giocato stilando una Top 11 pubblicata sul sito del Paris st Germain. Vediamo chi ha scelto, ci sono anche due italiani.

La sua Top 11

Il modulo scelto è il classico 4-4-2-. In porta, il bomber svedese ha scelto Gianluigi Buffon, in difesa Lilian Thuram a destra, Maxwell a sinistra, Thiago Silva e Fabio Cannavaro come centrali. A centrocampo, sulla destra ha piazzato Iniesta, a sinistra Nedved, centrali Xavi e Viera.

I migliori video del giorno

In attacco, ad affiancarlo, non poteva che essere lui, Lionel Messi. Gli italiani sono dunque due, Buffon e Cannavaro, con i quali ha militato nella Juventus. Ma ci sono anche il fedelissimo Maxwell (che dall'Inter lo ha seguito al Barcellona nello scambio che ha portato Eto'o ai nerazzurri) e Thiago Silva, col quale ha militato nel Milan; un altro giocatore proveniente dal nostro campionato è l'ex juventino Pavel Nedved. Per il resto, tanto Barcellona e qualche elemento del Psg. Chissà se qualche campione se la prenderà per non essere stato menzionato.