Ebbene sì l'amministratore delegato del Milan, Adriano Galliani prima di godersi le meritate vacanze conclude un operazione di mercato di alto livello, stiamo parlando dello scambio di prestiti tra Alessio Cerci e Fernando Torres di cui lo spagnolo nei mesi in rossonero ha totalizzato 1 solo goal e tante panchine, assieme a prestazioni molto deludenti. Ecco perché il Milan assieme ai suoi uomini di punta, cioè Adriano Galliani e l'allenatore Pippo Inzaghi hanno optato a cedere Torres e far arrivare un mezz'ala come Cerci, che tra l'altro era stato già un pallino fisso nel mercato estivo passato ma il presidente Cairo del Torino, aveva preferito venderlo all'estero all'Atletico Madrid per 16 milioni di euro.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Milan

Il Milan si è mosso molto velocemente, perché sulle tracce di Alessio Cerci cera anche l'Inter di Mancini dove lo stesso allenatore aveva confermato il suo gradimento verso il giocatore, ma per l'ennesima volta i cugini rossoneri sono riusciti a strappare prima il giocatore dall'Atletico Madrid.

E' anche vero che il Milan avendo messo sul piatto Torres sono stati avvantaggiati nella trattativa, visto che la volontà del giocatore spagnolo di ritornare a casa era tanta, dove tra l'altro ha iniziato la carriera calcistica strabiliando a suon di goal il calcio Mondiale.

Quindi in conclusione i due club si sono venuti incontro sborsando 0 euro, così Inzaghi ha il suo giocatore di fascia che tra l'altro andrà a sostituire una assenza pesante come quella di Honda che è impegnato con il Giappone per la Coppa d'Asia, mentre invece Simeone finalmente avrà il vice di Mandzukic, visto che l'Atletico Madrid era un po' a corto di prime punte. Diciamo che è stato uno scambio di favori tra i due club, e come un rapace Adriano Galliani ne ha approfittato per affondare la mossa, e concludere l'operazione prima che altre squadre blasonate potevano inserirsi e disturbare la trattativa, il quale verrà ufficializzata agli inizi del 2015.

I migliori video del giorno

Ora non resta che aspettare le prestazioni in campo di Alessio Cerci, per vedere se il Milan ha fatto una scelta giusta o sbagliata.