Finisce 2-2 il primo Derby di Milano completamente Made in Cina della storia della Serie A. Una bella giornata di calcio a San Siro tra due squadre che si sono affrontate a viso aperto. Polemiche nel finale per il gol del 2-2 di Zapata, arrivato al 97', con i nerazzurri che hanno pesantemente protestato contro Orsato.

Le pagelle dell'Inter

Handanovic 7: Perentorio sia tra i pali che nelle uscite. Almeno tre interventi decisivi, strepitoso quello su Deulofeu.

Pubblicità
Pubblicità

D'Ambrosio 5,5: Spinge tanto e suggerisce sempre la sovrapposizione. Cala parecchio nella ripresa, specie quando si tratta di difendere il risultato finale.

Medel 6: Arcigno come al solito, non eccelle e non delude. Argina senza troppi patemi un Bacca fin troppo abulico

Miranda 5.5: Alterna interventi da top5 mondiale a errori di una banalità preoccupante. Ad inizio ripresa perde un pallone criminoso in uscita.

Pubblicità

Nagatomo 6,5: Non giocava dalla gara contro il Pescara, Pioli lo rispolvera lui risponde presente. Tiene a bada Suso. D'altronde, Cina e Giappone: siamo lì.

Gagliardini 6,5: Inizio timido, poi sale in cattedra dopo il lancio che si trasforma in assist per l'1-0 di Candreva. Centrocampista tecnico e tattico.

Kondogbia 5,5: Recupera qualche pallone, ma quando si tratta di gestirli fa fatica. Più che una lavatrice è un raccoglitore di panni sporchi.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Inter Milan

In crescita, ma non al top

Candreva 7: Trafigge Donnarumma con un tocco soave che sa di beffa. Poi, solita corsa instancabile su e giù sulla fascia destra (dal 90' Biabiany 5,5: a un minuto dalla fine si crea l'occasione del possibile 3-1 ma la spreca: gol sbagliato...)

Joao Mario 6,5: Eleganza concreta, mai evanescente. Nel primo tempo imposta e ricama, aggiungendo un paio di numeri che fanno drizzare sul divano.

(dal 80' Murillo s.v.)

Perisic 7: Una freccia. Sfianca tutto il lato sinistro del Milan, Calabria nel primo tempo non lo vede praticamente mai. Preziosa la percussione più assist per il 2-0 di Icardi. Mezzo voto in meno per la poca lucidità sottoporta (dal 67' Eder 5: sarebbe il più fresco, ma spreca un paio di ripartenze potenzialmente pericolose).

Icardi 6,5: Pochi palloni utili. Ma puntuale il gol numero 20 in campionato.

Pubblicità

Pioli 5,5: La spreca con una gestione finale fin troppo preventiva: fuori Joao Mario dentro Murillo è l'emblema di un atteggiamento che negli ultimi 20' ha di fatto penalizzato i suoi.

Le pagelle del Milan

Donnarumma 5,5: Parate zero, gol subiti due. Di cui uno, il primo, non proprio imparabile.

Calabria 5,5: Nella prima frazione soffre maledettamente Perisic, che lo infila da tutte le parti. Rimedia con una buona fase di spinta e le sovrapposizioni perenni.

Pubblicità

Zapata 7: Oltre al gol, decisivo manco a dirlo, una partita sempre attenta e senza alcuna sbavatura. Perfetto nella marcatura su Icardi. Dopo un periodo buio, sta tornando su alti livelli.

Romagnoli 6,5: Segna la rete che all'83' riapre una partita apparentemente blindata.

De Sciglio 5: Candreva e D'Ambrosio lo attaccano in ogni dove, specie nella prima frazione. Soffre anche nelle diagonali e spinge pochissimo.

Kucka 5,5: Ammonito al 34', è condizionato nelle entrate. Si muove poco e male (dal 57' Locatelli 6: entra con cattiveria, forse anche troppa visto il fallo al 90' su Eder. Ma...fallo e ammonizione che consentono il prolungamento del recupero).

Sosa 6: Montella lo preferisce a Locatelli per capacità geometriche: per la prima mezz'ora El Principito lo accontenta con tante sciabolate precise. (dal 74' Lapadula 5,5: si dimena, ma vede pochissimi palloni. Comunque, molto meglio di Bacca)

Mati Fernandez 6: Fa il suo, cercando di ricucire le trame tra centrocampo e attacco. Con l'ingresso di Locatelli, si sposta sulla trequarti e crea le dinamiche dell'assalto finale.

Suso 5,5: Non è proprio il giocatore visto col Palermo, Nagatomo lo tampona parecchio. Si mette in proprio col tiro da fuori, ma Handanovic c'è sempre.

Deulofeu 6: Tra i migliori in termini di generosità. Giocatore dalla pazzesca accelerazione, troppo spesso fine a se stesso. Poco lucido, anche se potenziale pericolo costante.

Bacca 4,5: Giocatore abulico, totalmente al di fuori della manovra. Il contrario del calcio totale: non rientra, non pressa e non rincorre. Isolato al centro dell'area, in attesa di palloni utili.

Montella 6: I mezzi sono inferiori a quelli di Pioli, ma gli va dato atto di aver dato un'identità al Milan: una squadra che non muore mai. Gioca bene la prima e l'ultima mezz'ora di gara: in mezzo, da rivedere.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto