L'Inter continua nel suo periodo negativo, che sembra non avere mai fine. Il ritorno alla vittoria dopo più di due mesi domenica scorsa contro il il Bologna (per 2-1), infatti, a quanto pare è stato solo un lampo nel buio, visto che ieri è arrivata la debacle nella sfida contro il Genoa, allo stadio Ferraris di Genova; partita persa per due reti a zero. Due reti arrivate in maniera fortuita se si analizzano gli episodi, vista l'autorete di Andrea Ranocchia che ha ribattuto con il ginocchio in rete una respinta di Milan Skriniar e il gol di Goran Pandev, arrivato con il macedone che si è ritrovato sui piedi un tiro sbilenco di Laxalt.

Non ci sono scusanti, però, per quello che è stato l'atteggiamento in campo, con una squadra che sembrava quasi rassegnata alla sconfitta e che non ha mai dato l'impressione di poter impensierire Mattia Perin, autore di una sola bella parata nel primo tempo su Antonio Candreva, tornato dal primo minuto dopo la panchina di domenica scorsa. Stavolta non c'è stato il Karamoh di turno a togliere le castagne dal fuoco alla squadra nerazzurra, anzi, l'attaccante francese è stato schierato dal primo minuto anche ieri, ma questa volta non è riuscito ad incidere, dando ragione a quelle che furono le parole del tecnico, Luciano Spalletti, già nel post partita contro il Bologna, quando affermò che l'ex Caen manca di continuità, ha grandi fiammate che, però, vengono poi seguite da alcuni momenti di pausa a cui poi la squadra deve sopperire.

La moviola di Graziano Cesari

Negli studi di Premium Sport, nel post partita, l'ex arbitro e ora moviolista, Graziano Cesari, ha parlato del vantaggio del Genoa, definendolo irregolare e spiegando il motivo: "Nell'azione che porta al vantaggio del Genoa con l'autorete di Ranocchia c'è un contatto in mezzo al campo tra Hiljemark e Karamoh e da quel contatto passano quindici secondi fino a quando la palla non finisce in rete.

L'attaccante francese viene atterrato e il Var (c'era Giacomelli) poteva intervenire per segnalare l'irregolarità. Nel secondo tempo, infatti, Karamoh subisce un fallo molto simile da Bessa e in quel caso l'arbitro fischia fallo".

Irregolare, dunque, il gol dell'1-0 che, però, lascia poco rammarico per la prestazione offerta dall'Inter.

I nerazzurri, ora, sono quarti in classifica a 48 punti, a due punti dalla Roma, vincente ieri alla Dacia Arena contro l'Udinese e a più uno sulla Lazio, impegnata domani sera nel posticipo.