A poche ore dalla partita che potrebbe segnare in parte la storia della Roma, due ex giallorossi si sono resi protagonisti di un gesto piuttosto discutibile nei confronti del Liverpool. Nella giornata di ieri, la squadra capitolina è sbarcata ad Anfield Road, dove sorge lo storico stadio del club inglese. Bruno Conti e Roberto Pruzzo, che erano in campo durante la sciagurata finale persa 34 anni fa, hanno ben pensato di farsi scattare una foto nella quale mostravano entrambi il dito medio dinanzi allo stemma dei Reds.

In poche ore lo scatto è diventato virale, girando su tutti i social network e venendo bollato come una vera e propria caduta di stile da parte dei due ex calciatori.

Oggi è arrivata la replica di Bruno Conti, con tanto di scuse. L'ex giocatore giallorosso e campione del mondo 1982 con la Nazionale di Bearzot, ha dichiarato all'Ansa che si è trattato di un gesto goliardico, per esorcizzare proprio quanto accaduto durante la finale del 1984 contro il Liverpool, persa dai giallorossi ai calci di rigore. L'ex centrocampista ha chiarito che si trattava di uno scatto personale, e che non avrebbe mai pensato potesse scatenarsi un così grande clamore mediatico intorno ad un'immagine che non doveva essere resa pubblica: "Non offenderei mai alcun club, figuriamoci una società gloriosa come il Liverpool. Sono nel mondo del calcio da una vita e negli ultimi 25 anni ho provato a trasmettere i miei valori a tutti i ragazzi con i quali ho lavorato, a partire dal rispetto per l'avversario".

Nel frattempo, sono arrivate anche le scuse di Pruzzo, il quale ha chiarito che si è trattato di un modo per esorcizzare la tensione del match. Nonostante siano giunte prontamente le scuse da parte dei due ex giocatori, i tifosi stanno continuando a confrontarsi sull'accaduto, dividendosi tra chi parla di caduta di stile e chi, invece, la prende con maggiore ironia.

Giallorossi a caccia dell'impresa

Ad Anfield questa sera, alle ore 20:45, si terrà il primo atto della semifinale di Champions League che vedrà i giallorossi in cerca dell'impresa contro il Liverpool per arrivare in finale. La compagine capitolina allenata dal tecnico abruzzese Eusebio Di Francesco, dovrà vedersela con i Reds guidati dal tedesco Jurgen Klopp.

Inoltre, è bene ricordare come tra le fila della formazione britannica ci sarà un grande ex, ovvero Mohamed Salah, che pochi giorni fa è stato incoronato come miglior giocatore della Premier League con all'attivo ben 31 reti stagionali.

Di Francesco è alla ricerca della partita perfetta, proprio come quella che gli ha permesso di sconfiggere ai quarti di finale il Barcellona, ammutolendo allo stadio Olimpico Messi e compagni. Dunque, i giocatori della Roma si preparano a scendere in campo nella splendida e suggestiva cornice di Anfield con l'obiettivo di domare i Reds di Liverpool, proprio come fossero dei veri e propri gladiatori.

Segui la pagina A.S. Roma
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!