Il 23 marzo 2019 la Nazionale azzurra torna ad esibirsi allo stadio "Dacia Arena" di Udine, dove è in programma una gara ufficiale e precisamente Italia-Finlandia, valida per la fase a gironi delle qualificazioni ai campionati europei del 2020. L'Italia è collocata nel girone J.

Inizia dunque il lungo lavoro di avvicinamento di Roberto Mancini, selezionatore italiano, a questo appuntamento, diventato molto importante per il nostro calcio dopo il clamoroso flop fatto registrare dalla Nazionale di mister Giampiero Ventura, incapace di approdare ai Campionati del mondo.

Pubblicità

La gara sarà trasmessa da Rai 1 alle ore 20:45.

Nelle ultime 8 gare giocate a Udine l'Italia ha vinto 5 volte, pareggiato due volte e perso in una sola occasione.

Il caso Mario Balotelli, ancora escluso dalla Nazionale. Continua l'ascesa di Kean

Balotelli non è stato convocato da Roberto Mancini. Supermario si è accasato al Marsiglia, allenato dall'ex romanista Rudi Garcia. Nelle prime partite in cui è stato impiegato ha subito realizzato dei gol pesanti, ribadendo una volta ancora la sua capacità di essere decisivo, anche in virtù di una notevole fisicità.

Mario Balotelli è certamente uno dei talenti più puri espressi dal calcio italiano negli ultimi dieci anni, ma pur avendo avuto una buona carriera, fino ad oggi resta un giocatore che ha reso meno di quello che avrebbe potuto e che non ha avuto troppa fortuna con la maglia azzurra, anche se il CT Cesare Prandelli puntò forte su di lui.

Balotelli ha oggi 29 anni ed avrebbe ancora tempo per rifarsi, ma c'è anche il rischio che la sua stella sia oscurata da quella dell'astro nascente Moise Kean, in forza alla Juventus e autore di due reti in campionato contro l'Udinese. Con Chiesa, Zaniolo e Bernardeschi, Kean potrebbe essere un elemento importante per rifondare la nostra Nazionale. Mandandolo in campo anche nel finale della gara di Champions con l'Atletico Madrid, vinta per 3-0 dalla Juventus, Max Allegri ha dimostrato di avere grande fiducia nel giovane Kean, che ha solo 19 anni ed ha quindi enormi margini di miglioramento.

Pubblicità

Brillerà la stella di Zaniolo?

Mancini ha invece lasciato a casa il bomber torinista Belotti, che è comunque da considerare ancora nel giro della Nazionale, anche se non sta attraversando un periodo particolarmente brillante. C'è molta curiosità per vedere all'opera Nicolò Zaniolo: il 19enne romanista, che quest'anno ha segnato due gol in Champions League, è certamente la grande sorpresa di questo campionato e secondo i rumors di calciomercato è seguito con interesse dal Real Madrid.

Sono quattro i portieri convocati: Donnarumma, Perin, Sirigu e il cagliaritano Cragno.

Tra i difensori spiccano le convocazioni di Piccini (Valencia) e Mancini, omonimo del CT, dell'Atalanta. Per l'attacco è stato chiamato (a sorpresa) anche Vincenzo Grifo, del Friburgo.

Ricordiamo che il 26 marzo l'Italia è attesa dal secondo impegno di qualificazione per i prossimi europei: giocherà infatti a Parma contro il Liechtenstein, un avversario che non dovrebbe creare troppi problemi. Per questo doppio impegno Mancini ha convocato 29 giocatori. Nello staff di Mancini è entrato Attilio Lombardo, suo ex compagno ai tempi della Sampdoria.

Italia-Finlandia sarà trasmessa in diretta su Rai 1 alle 20:45 del 23 marzo e sarà possibile seguirla anche in diretta radiofonica su Radio Uno Rai e in diretta testuale su diretta.it.

Pubblicità

Nettamente a nostro favore il bilancio con la Finlandia: su 13 gare giocate ne abbiamo vinte 11, perdendo una sola volta e pareggiando una volta.

Si tratta di un bilancio che la dice lunga sulla differenza tecnica tra le due scuole calcistiche e dunque è legittimo essere ottimisti sull'esito di questo incontro.