L'ennesima tragedia, dove il prezzo che si paga è quello più alto, è andata in scena la scorsa notte nel capoluogo partenopeo in Viale Traiano: tre giovani in sella ad uno scooter vengono intercettati da una pattuglia dei Carabinieri impegnata in un servizio di controllo del territorio; il ciclomotore non si ferma e tenta un'improbabile fuga, sbandando e finendo a terra dopo un urto contro la gazzella dell'Arma. Dalla colluttazione che ne consegue uno dei tre ragazzi riesce a fuggire inseguito da uno dei due Carabinieri, gli altri due vengono bloccati dall'altro militare, ma durante le manovre un colpo parte accidentalmente dall'arma di ordinanza, ferendo gravemente uno dei due ragazzi, Davide Bifolco di diciassette anni, che muore dopo il trasporto presso l'Ospedale San Paolo.

Questa la ricostruzione dei fatti fornita proprio dagli stessi militari operanti. L'Autorità Giudiziaria competente è già al lavoro per ricostruire l'esatta dinamica dei fatti e sta sentendo in questi momenti alcune persone che potrebbero fornire riscontri sulla dinamica degli eventi. Qualora non vi fosse congruenza tra la ricostruzione fornita dai Carabinieri operanti e le notizie di eventuali testimoni, la Magistratura potrebbe disporre ulteriori accertamenti tecnici tra i quali l'esame autoptico, finalizzati alla ricostruzione ex-post dei fatti che hanno determinato la morte del ragazzo.

Le reazioni della strada

Intanto la protesta e la rabbia per la morte del giovane napoletano si sta materializzando nel Rione Traiano, dove la notizia ha scatenato una rivolta popolare; secondo quanto appreso due auto della Polizia sono state quasi distrutte nel corso di violente contestazioni da parte della gente. All'Ospedale San Paolo di Napoli, luogo dove è stato trasportato il ragazzo subito dopo l'incidente, nel tentativo invano di salvargli la vita, si è formata una ressa di familiari e conoscenti.

Il fratello della vittima definisce l'accaduto come un vero e proprio omicidio: "Non si inventassero scuse. Prima speronato, poi gli spari. È stato un omicidio".

Segui la nostra pagina Facebook!