Hanno lavorato tutta la notte i soccorritori a Varese per recuperare i corpi delle vittime di una frana. I corpi da estrarre dalle macerie erano due. Si tratta della sedicenne Adriana De Pena Moya che è stata ritrovata e portata all'ospedale dal personale del 118. La ragazza sarebbe stata ritrovata sotto un grosso macigno già agonizzante e sarebbe stata soccorsa solo rimuovendo il grande blocco di cemento. La giovane però non ha superato la notte ed è deceduta in ospedale. L'altro disperso era il settantenne, ultimo pescatore del posto, Giorgio Levati. Si trovava sepolto da circa un metro cubo di fango e per cercare di estrapolare il suo corpo, i soccorritori hanno dovuto spalare e scavare per molto tempo.

Tutta l'area sarebbe ora sotto i sigilli dei carabinieri. Sarà probabilmente aperta un inchiesta dal pm che si trovava di turno nel momento in cui la frana ha distrutto l'abitazione. La villa della famiglia sarebbe l'unica ad essere stata colpita dalla frana.

Smottamenti si erano verificati già nel 2000

La famiglia viveva in stato di agitazione e preoccupazione già da lungo tempo proprio perchè temeva che la collinetta potesse franare da un momento all'altro. Alcuni vicini di casa testimoniano che già in passato si erano verificati degli smottamenti e l'ultimo molto grave si sarebbe registrato nel 2000. Dei lavori di consolidamento erano già stati eseguiti tempo addietro e il sindaco di Laverno ricorda che nessun avviso di frana era pervenuto e che il territorio comunale si trova in un alto rischio di dissesto idrogeologico. In questi giorni sulla collinetta sarebbero caduti anche oltre i seicento millimetri di acqua provocando così una grande quantità di fango che ha travolto la villa.

I migliori video del giorno

A Genova la situazione resta critica

L'allerta meteo a Genova resta ancora altissima e proprio a causa del maltempo si trovano in stato di isolamento circa 180 famiglie nelle zone di Brigna. L'unica strada che porta a questa località sarebbe rimasta chiusa a causa di una frana. Cresce di 99 unità infatti il numero di famiglie sfollate dall'alluvione di ottobre ad oggi. Un'altra cronaca arriva proprio ieri quando un uomo di anni 67 viene travolto dalla piena di un corso d'acqua. Di lui nessuna notizia. A Genova crolla il cimitero e circa 70 feretri sarebberi dispersi dopo il crollo del muro. Salme, bare e ossari finiscono nei corsi d'acqua e torrenti.