Alta velocità e folli corse tra le strade del centro della città dell'Aquila. Ieri sera la Polizia Municipale del capoluogo abruzzese si è lanciata all'inseguimento di una signora di 54 anni con problemi psichici. I Vigili hanno bloccato l'automobile in via della Croce Rossa, appostando la vettura di traverso sulla strada. La donna aveva dapprima ignorato l'alt imposto dagli agenti in posto di blocco per controlli di routine.

Dopo aver fermato la pericolosa corsa tra le vie, dagli accertamenti delle forze dell'ordine, è risultato che la signora era priva di assicurazione e con patente scaduta. Per la conducente, portata alla fine all'ospedale, è stato disposto un trattamento sanitario obbligatorio.

Ieri sera all'Aquila una donna di circa 54 anni ha ignorato completamente l'alt degli agenti della Polizia Municipale. L'autovettura sfrecciava a folle velocità, mettendo in pericolo anche i pedoni che si trovavano a passeggiare tranquillamente nella zona.

La rischiosa corsa, per fortuna si è interrotta in via della Croce Rossa, senza gravi danni né per lei né per gli altri. I controlli hanno rilevato che la signora, con problemi psichici, viaggiava priva di assicurazione e con la patente scaduta.

La donna non avrebbe neanche dovuto prendere l'auto, ovvero non avrebbe dovuto averla a disposizione. Ma spesso persone con problemi mentali, sono anche sole e non tutelate.

La conducente bloccata, dopo essere stata raggiunta dai Vigili Urbani appostati di traverso sulla strada, ha purtroppo pensato di barricarsi nel veicolo e quindi si rifiutava di uscire. Purtroppo i problemi psichici della donna hanno creato un muro con gli agenti che in realtà volevano aiutarla per salvaguardare la sua sicurezza e quella degli altri. Alla fine, le forze dell'ordine sono riuscite a portarla in ospedale dove è stato disposto un trattamento sanitario obbligatorio.

La vicenda si è risolta senza alcun ferito e senza danni importanti. La reale speranza è che persone con problematiche mentali possano ricevere sempre maggiore assistenza da parte dello Stato e dai famigliari per evitare fortemente situazioni dove ci si può far davvero male.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto