Oggi, martedì 9 dicembre 2014, ci sono delle novità davvero molto importanti riguardanti il caso del piccolo Andrea Loris Stival, il bimbo di soli 8 anni originario di Santa Croce Camerina, in provincia di Ragusa, dove è stato ritrovato morto all'interno di un canale di scolo. Dal giorno del ritrovamento del cadavere del piccolo Andrea Loris, le indagini non si sono mai fermate e dopo i primi dubbi sul cacciatore, la prima persona che ritrovò il corpo del bambino, nelle ultime ore i sospetti si sono concentrati sulla madre di Andrea, la signora Veronica.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Le ultime di oggi 9 dicembre rivelano che nel pomeriggio di ieri Veronica Panarello è stata prelevata per la quarta volta dalla sua abitazione dalla Forze dell'Ordine, per un nuovo lunghissimo interrogatorio dove la donna ha dovuto chiarire molti dei punti ancora oscuri su questa terribile vicenda.

Andrea Loris, ultime news: è stato ucciso da sua madre Veronica?

Quando Veronica Panarello è uscita dalla sua abitazione di Santa Croce Camerina con suo marito e altri parenti ha preferito incappucciarsi per non farsi fotografare dai giornalisti che in quel momento stavano assediando la sua casa. Dopo un lungo interrogatorio, ecco che è arrivata la svolta: la mamma del piccolo Loris è stata fermata e su di lei in questo momento pende un'accusa per omicidio e occultamento di cadavere.

La posizione della madre di Andrea Loris, quindi, si aggrava notevolmente: nonostante tutto la donna continua a proclamare la sua innocenza e quando ieri sera l'hanno trasportata in carcere, ha gridato "non ho ucciso io il mio bambino". Sotto choc il marito che, stando alle dichiarazioni riportate in queste ore dal TgCom, pare abbia rivelato ad un amico di famiglia che se sua moglie fosse veramente l'assassina di Andrea Loris gli cadrebbe il mondo addosso. Il racconto della mamma di Loris circa quella terribile mattina continua a fare acqua da tutte le parti: contro Veronica Panarello, inoltre, ci sono anche i video delle telecamere di sorveglianza, i quali attestano che quella mattina il piccolo Loris non è mai arrivato a scuola.