Avevano aperto le gabbie in cui erano rinchiusi tutti gli animali del circo, per renderli liberi e protestare contro il loro utilizzo durante gli spettacoli. Peccato, però, che gli animalisti che hanno effettuato il blitz al circo Orfei che attualmente si trova a Macerata, non abbiano tenuto conto del frastuono e dello spavento provocato nelle povere bestiole, ritrovatesi da un momento all'altro in un ambiente sconosciuto. Proprio la paura deve aver spinto l'ippopotamo Aisha a correre senza meta, fino a quando non è andato a sbattere violentemente contro un'auto in transito che l'ha colpito alla testa uccidendolo sul colpo.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

I passeggeri della vettura, due amici di 25 anni, sono rimasti feriti, ma per fortuna non sono in pericolo di vita.

Animalisti liberano animali: la tragica morte di un ippopotamo

Mentre era in corso lo spettacolo delle tigri al circo Orfei, a Macerata, un gruppo di animalisti ha provveduto ad aprire le gabbie, facendo fuggire zebre, struzzi, cavalli e anche l'ippopotamo Aisha.

Quando si sono accorti della singolare fuga di animali, gli inservienti del circo hanno sospeso lo spettacolo e hanno rincorso le bestiole che, spaventate, vagavano per le strade del comune marchigiano. A passo spedito si muoveva anche l'ippopotamo di 8 anni, del peso di 15 quintali, che dopo aver attraversato illeso la prima arteria della strada principale di Macerata, si è immesso su quella che porta a Montecassino. Qui, però, è arrivata una macchina che l'ha travolto, con un violentissimo e drammatico impatto. Aisha, esemplare femmina di ippopotamo, è morta per il forte colpo subito alla testa, mentre i due passeggeri dell'auto, seppure sbalzati via dal violento scontro, sono rimasti feriti ma se la caveranno. Al momento dell'incidente, stava passando un mezzo dei vigili del fuoco che si è prontamente fermato per dare i primi soccorsi.

I migliori video del giorno

Per l'animale, purtroppo, non c'era più niente da fare.

La denuncia del circo: "Viviamo nel terrore"

Daviso Montemagno, responsabile del circo, ha subito sporto denuncia in merito al blitz degli animalisti e alla conseguente morte dell'ippopotamo. L'uomo, in Questura ha affermato che da anni: "viviamo nel terrore", poiché spesso sono soggetti ad assalti e minacce da parte dei gruppi animalisti che lottano per eliminare gli spettacoli con animali dal circo. Montemagno ha riportato che anche a Cesena e a Nuoro si sono verificati episodi simili, e addirittura in Sardegna dei ragazzi li avrebbero aggrediti per picchiarli. Sono subito partite le indagini della polizia, mentre la Forestale, dopo aver effettuato i controlli del caso, ha riferito che il circo ha documenti e autorizzazioni in regola per detenere gli animali ed utilizzarli negli spettacoli. Ma la morte di Aisha, travolta da un'auto, molto amata dai circensi, ha gettato un velo di tristezza e profondo dolore sul circo Orfei. Per fortuna, almeno gli altri animali sono stati recuperati e stanno bene.