E' attesa per il 31 dicembre prossimo, davanti al tribunale delle libertà di Catania, l'udienza sulla richiesta di scarcerazione di Veronica Panarello, 26 anni, di Santa Croce Camerina (provincia di Ragusa), adesso in carcere ad Agrigento con l'accusa di omicidio volontario del figlio di 8 anni Loris Stival e occultamento di cadavere. Il papà della donna, Francesco Panarello, continua a difendere la figlia Veronica gravemente indiziata e ad avanzare dubbi e sospetti su altri componenti della famiglia senza indicarne il nome agli investigatori. Cosa decideranno il giudici del Riesame? Veronica Panarello passerà il Capodanno in carcere o dal primo gennaio 2015 sarà in libertà?

Delitto Loris Stivali: il 31 dicembre udienza del Riesame sulla scarcerazione di Veronica Panarello

Nel frattempo - alla mamma presunta infanticida arrestata l'8 dicembre scorso dopo i "buchi neri" emersi dalla sua ricostruzione dei fatti e le immagini di alcune delle immagini riprese da più di quaranta telecamere di videosorveglianza setacciate dagli investigatori - è stata bloccata in carcere la corrispondenza sia in entrata che in uscita.

La giovane donna si è lamentata di questa circostanza con il padre durante l'incontro all'interno della casa circondariale di contrada Petrusa ad Agrigento. Parlando invece del rapporto tra la figlia e il nipote, il nonno materno dice: "Loris aveva un rapporto meraviglioso con Veronica, erano come il secchio e la corda". E dopo aver fatto visita alla figlia in carcere, trovandola "distrutta", lancia un appello al genero Andrea Stival: "Lei di ama. Valla a trovare. Non abbandonarla".

Caso Loris, 'Veronica Panarello è innocente': su Facebook 'scontri' tra innocentisti e colpevolisti

Migliaia in queste ore i commenti sulle diverse pagine facebook dedicate al delitto del bimbo di 8 anni forse ucciso dalla madre. Una delle pagine più cliccate del momento sul social network è quella intitolata "Veronica Panarello è innocente". Il "popolo del web" è spaccato tra colpevolisti e innocentisti.

I migliori video del giorno

Chi ritiene la mamma di Loris Stival, in carcere per l'infanticidio del figlio, arrestata ingiustamente o per errore; chi invece non ha dubbi sulla sua colpevolezza. Ecco alcuni commenti sul giallo di Santa Croce Camerina pubblicati sul social network. Posta Maurizio Ferraro: "A me la faccenda che più mi puzza di marcio è questo accanimento contro di lei. Voler chiudere questo gruppo, vietarle la corrispondenza... mah". Aggiunge Chiara Baracchi: "Io dico e ridico che in questa storia gatta ci cova. Qualcosa non va".

Caso Loris Stival, i 'difensori' della mamma su Fb: 'Pensate quanto dolore se è davvero innocente...'

Scrive Claudia Iannucci su Facebook: "Pensate quanto dolore deve sopportare se è innocente. La morte violenta del suo bambino, l'accusa di averlo ucciso, essere insultata da tutti, abbandonata e sbattuta in galera. Ho i brividi". Commenta Irene Calamato: "Sì, anche io sono con lei e me lo sento che è innocente. Spero che la facciano uscire il 31 dicembre".

E Silvia Bergamo posta: "Eppure il marito Davide l'ha già condannata!". Aggiunge Angelina Bonsignore: "Il marito per quanto sia sconvolto e disorientato per l'accaduto non doveva assolutamente abbandonare in questo modo la moglie per grande che possa essere il dolore Veronica gli ha urlato la sua innocenza in tutti modi per l'amore che lui dice di aver provato per questa donna. E se fosse innocente come potrebbe più guardarla negli occhi?".