Da tempo gli inquirenti sospettavano che l'evasione di tre detenuti dal penitenziario di Varese, avvenuta nel febbraio del 2013, fosse stata favorita da qualcuno che aveva appoggiato i delinquenti dall'interno. Ed in effetti, nella giornata di martedì 9 dicembre, sono partiti cinque ordini di custodia cautelare in carcere nei confronti di agenti della polizia penitenziaria, accusati di corruzione e favoreggiamento. Due agenti sono stati prelevati a Bollate, in provincia di Milano, mentre altri tre erano stati messi di turno nella Casa Circondariale, proprio per renderne più agevoli gli arresti.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Tre detenuti romeni evasi dal carcere di Varese: gli agenti fecero entrare una lima e un cellulare

I detenuti che nel febbraio del 2013 fuggirono dal penitenziario lombardo, erano tutti romeni.

Mikea Victor Sorin, 29 anni, stava scontando una condanna per sfruttamento della prostituzione e sarebbe uscito a giugno, mentre Daniel Parpalia, 28 anni, e Georgie Bunoro, 23enne, erano in attesa di giudizio per reato di furto aggravato. La loro fuga venne organizzata con estrema precisione: dapprima segarono le sbarre di un bagno, poi si calarono verso il basso con delle lenzuola annodate e, una volta giunti nel cortile, realizzarono una torretta con i cassonetti della carta ed uscirono dal penitenziario. Fin da subito, gli investigatori hanno pensato che quell'evasione fu favorita da qualcuno che aveva coperto i galeotti dall'interno. In effetti, dalle indagini è risultato che i 5 agenti arrestati avevano intascato del denaro per far finta di nulla quando i tre romeni scapparono e per fargli arrivare, mentre erano ancora in cella, una lima e un telefono cellulare. Fu la fidanzata di uno degli evasi, durante un colloquio, a consegnare gli oggetti che aveva nascosto nella cintura e nelle parti intime.

I migliori video del giorno

Gli evasi subito rintracciati e arrestati, poi i sospetti e l'arresto degli agenti corrotti

La fuga dei tre romeni fu brevissima: nel giro di poche ore vennero rintracciati e arrestati tra la Svizzera e la provincia di Pavia. Da quel momento partirono le indagini per capire se davvero qualcuno aveva aiutato i delinquenti a scappare e, una volta raccolte le prove necessarie, sono arrivati gli ordini di custodia cautelare per cinque agenti della polizia penitenziaria. In queste ore, i carabinieri, la polizia e la guardia di finanza stanno effettuando ulteriori perquisizioni nei confronti di altri agenti della penitenziaria per verificare che non ci siano altre persone coinvolte in questa vicenda di favoreggiamento e corruzione.