SIRIA - Un gruppo militante affiliato ad al Qaeda ha ucciso una donna in una città siriana nordoccidentale accusandola di adulterio. Il video è stato pubblicato sul sito di Raqqa-sl.com e riferito da Kayla Ruble su Vice News, che mostra l'uccisione della donna, che secondo alcune fonti si è verificata in una zona al di fuori della città nord-occidentale della Siria, a Idlib.

Il filmato. Nel filmato, sospetti membri mascherati di al Nusra, il braccio siriano di al Qaeda, circondano una donna per le strade. La donna, vestita interamente di nero, tranne che per una giacca rossa, in ginocchio, chiede di vedere i suoi figli, una richiesta che viene negata, secondo il Sohr, l'Osservatorio siriano dei diritti umani.

Un uomo con la barba poi comincia a parlare nel breve video e, dopo che finisce, un altro uomo che indossa una camicia a righe punta una pistola verso la testa della donna e le spara, facendola cadere sul marciapiede. Il filmato mostra anche alcuni militanti che tengono in mano alcuni devices.

Le vittime. Il direttore di Sohr, Rami Abdulrahman, ha detto sul sito web dell'osservatorio che attualmente al Nusra controlla più del 70/80 per cento di Idlib. Al Nusra e Al Qaeda sono le due più potenti forze ribelli attualmente in Siria, ha aggiunto. Dallo scorso mese di luglio, almeno 14 persone in Siria sono state uccise con l'accusa di aver commesso adulterio o perché omosessuali, secondo il Sohr. La metà delle vittime sono donne. Il gruppo per i diritti ha anche riferito che in un recente incidente nella città di al-Mayadin un uomo è stato frustato da militanti islamici dello Stato in una piazza della città con l'accusa di aver commesso adulterio.

I migliori video del giorno

Di fronte alla minaccia continua da parte di Al Qaeda, che ha cominciato a invadere vaste zone dell'Iraq e della Siria la scorsa estate, l'esercito americano ha annunciato l'intenzione di avviare per giovedì un programma di formazione di siriani per combattere i militanti.

Il Pentagono ha detto in un comunicato che l'iniziativa dovrebbe partire in primavera, con 400 soldati e personale di supporto aggiuntivi inviati in Siria per addestrare i siriani. Nel corso dei prossimi tre anni, gli Stati Uniti prevedono di fornire 500 milioni di dollari per addestrare 5.000 combattenti ogni anno. I governi di Turchia, Qatar e l'Arabia Saudita, hanno volontariamente deciso di ospitare le truppe per l'addestramento.