Il 2014 è stato un anno decisivo in merito al giallo di Yara Gambirasio, la tredicenne di Brembate, in provincia di Bergamo, scomparsa misteriosamente nel novembre del 2010 e ritrovata senza vita a distanza di alcuni mesi. Per il suo omicidio, dallo scorso giugno è in carcere Massimo Giuseppe Bossetti, il muratore di Mapello accusato di aver rapito e poi ucciso la giovane Yara Gambirasio. Negli ultimi mesi ci si è spesso domandati sulla sua presunta colpevolezza alla luce dei risultati delle indagini. Ricordiamo che ad incastrare in modo decisivo Bossetti è la prova regina del Dna ritrovato sugli indumenti intimi della povera Yara. Il giallo di Brembate, dopo la svolta decisiva avvenuta lo scorso giugno, vedrà la sua conclusione nel 2015? Ecco quali sono le ultime news sul caso Yara Gambirasio e sulla posizione di Bossetti.

Yara Gambirasio news: la verità su Bossetti nel 2015?

Il 2015 potrebbe davvero essere l'anno decisivo per la famiglia di Yara Gambirasio: si saprà finalmente la verità su quanto accaduto alla ragazzina di Brembate nel novembre del 2010? Bossetti risulterà colpevole o, come ha sempre finora sottolineato sarà dichiarato innocente? L'unica certezza, stando alle ultime news, risiede nel processo a Bossetti. Con ogni probabilità nella prossima primavera potrebbe esserci l'udienza preliminare anticipata dalla chiusura delle indagini da parte del pm e con la successiva notifica all'unico indagato per l'omicidio di Yara Gambirasio. Bossetti, di fronte ad un nuovo eventuale interrogatorio previsto sceglierà nuovamente la strada del silenzio?

Le ultime news su Yara Gambirasio potrebbero contemplare dei colpi di scena ma, stando alle dichiarazioni dello stesso Bossetti, ribadite anche dal suo legale, il presunto assassino della ragazzina intende difendersi a processo senza quindi sconti di pena, rischiando addirittura l'ergastolo pur di urlare la sua innocenza ed estraneità in merito alle pesanti accuse a suo carico.

I migliori video del giorno

Secondo le news sul giallo, tuttavia, il processo a Bossetti non sarà lungo basandosi in particolare sulla prova schiacciante del Dna anche se il legale di Bossetti aveva richiesto un nuovo esame. In sede di dibattito saranno poi esaminate le due tesi che vedono da una parte Bossetti colpevole (sulla base della prova del Dna, dei filmati delle telecamere, dei cellulari e delle sue contraddizioni) e dall'altra innocente, come viene definito dalla difesa e dallo stesso indagato. La verità sulla morte di Yara Gambirasio verrà alla luce nel 2015 appena iniziato? Per gli ulteriori aggiornamenti sul giallo della ragazzina di Brembate vi invitiamo a cliccare sul tasto "Segui" in alto alla news.