È una vera e propria alluvione quella che sta colpendo i comuni di Rossano Calabro, Corigliano Calabro e tutta la zona jonica della Calabria dalla notte scorsa. Al momento non si hanno notizie di morti o feriti, ma sui vari social network si rincorrono voci di vari dispersi. Il sindaco di Corigliano ha raccomandato a tutti i cittadini di non uscire di casa, perchè solo nella notte si sono accumulati 160 mm di pioggia, e dopo una breve pausa ha ripreso a piovere. Numerose le telefonate giunte ai centralini di Carabinieri e Vigili del Fuoco che sono intervenuti, insieme alla Protezione Civile per salvare diverse persone rimaste isolate o bloccate in casa per l'acqua alta e per le varie strade crollate.

Proprio la Protezione Civile, nella giornata di ieri, lanciato l'allerta di criticità rossa per la zona colpita quest'oggi. Circa trenta scout sono rimasti bloccati sulle colline di Rossano per colpa dell'alluvione causata dal torrente Citrea, che è esondato in più punti e ha loro impedito di scendere a valle. La statale 106 jonica, che è molto trafficata in questo periodo per l'esodo estivo, è bloccata tra Cassano allo Jonio e Rossano, ed è consentito solo il traffico locale, anche se si consiglia di procedere con molta prudenza o di evitare del tutto gli spostamenti. Isolati i quartieri Toscano, Petra, Ciminata e Vallato nel comune di Rossano, mentre nel comune di Corigliano è bloccata la provinciale 253 in contrada Frassa. Evacuate diverse abitazioni.

Dalle regioni confinanti stanno giungendo diversi uomini e mezzi di soccorso per dare manforte ai soccorsi locali.

Intanto, come comunica Ferrovie dello Stato, la circolazione dei treni è interrotta dalle8 di questa mattina tra Sibari e Crotone proprio per l'allagamento della stazione di Corigliano Calabro e per un guasto alla stazione di Cariati. Da ieri sera e' stata sospesa la circolazione tra Puglia e Basilicata (da Foggia a Potenza) per l'allagamento dei binari della stazione di Melfi e di Leonessa.

I tecnici hanno lavorato tutta la notte e continuano a lavorare, per risolvere i problemi in breve tempo.

Segui la pagina Cronaca Nera
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!