Walid bin Abdul Mohsen bin Abdul Aziz, esponente della famiglia reale saudita, è stato trattenuto poche ore fa in Libano dagli agenti addetti alla sicurezza dell’Aeroporto Internazionale di Beirut, Rafik Hariri. Il principe saudita è accusato di traffico internazionale di sostanze stupefacenti, ed avrebbe introdotto in Libano ben 2 tonnellate di anfetamine che avrebbero dovuto avere l’Arabia Saudita come destinazione finale. La sostanza confiscata all’uomo è l’anfetamina Fenithyllina, chiamata normalmente Captagon e molto usata in Medio Oriente. L’ingente quantitativo di pasticche è stato suddiviso per essere contenuto in 24 casse e 8 borsoni, e si tratta di uno dei maggiori tentativi di traffico di narcotici della storia dell’Aeroporto di Beirut.

Il principe Walid era accompagnato da altre quattro persone, tutte di cittadinanza saudita e, oltre al notevolissimo stock di Captagon, le forze dell’ordine hanno rinvenuto anche una modesta quantità di cocaina. Le sostanze, tramite un aereo privato, erano pronte per essere inviate verso il paese natale dell’uomo, ma sono state intercettate prima. 

Enorme quantitativo di Captagon, la droga preferita dall’ISIS

Secondo alcune fonti, questo tipo di stupefacente è conosciuto per essere il narcotico prediletto dalle milizie jihadiste dello Stato Islamico. Il Captagon evita alle persone che ne fanno uso di sentire il bisogno di dormire, toglie il senso dell’appetito e non permette di provare paura. Tra i suoi effetti psicoattivi anche quello di abbassare la percezione del dolore fisico e di accrescere la resistenza alla fatica.

I migliori video del giorno

Non è dunque difficile capire perché dei terroristi dell’ISIS dovrebbero farne uso.

Gli agenti di sicurezza aeroportuale hanno affermato che si tratta del quantitativo più impressionante di tentato contrabbando di sostanze illegali, secondo solo ad un rinvenimento della primavera 2014 effettuato presso l’aerostazione di Beirut. Anche allora si è trattato della stessa sostanza, suddivisa in 15 milioni di confezioni.

Il principe ha ricoperto diversi incarichi importanti all’interno del ministero della salute saudita, ed ha superato il quindicesimo anniversario come governatore della provincia di Hail, nella parte nord del paese.