I bambini sono le prime vittime della guerra dello Stato Islamico. Secondo un rapporto pubblicato da Save the Children, il numero di bambini immatricolati nel sistema scolastico pubblico in Siria si è ridotto del 50% in confronto al numero dei dati del 2011, quando la guerra era ancora agli inizi. Il controllo dell’istruzione è diventato uno dei principali campi di battaglia degli jihadisti islamici, che cercano di convincere i genitori che le scuole religiose dell’organizzazione sono una miglior opzione rispetto alle scuole pubbliche.

Pubblicità

Il Washington Post scrive che militanti di Isis raccolgono bambini nel “autobus del divertimento”. Passeggiano tra i paesini con un altoparlante che invita ai bambini a salire per vedere i cartoni animati. Una volta sopra, devono sentire lezioni sull’Islam da ripetere ai genitori a casa. La conquista delle nuove generazioni fa parte della strategia di Isis. Sono loro, possibili “futuri soldati dell’Islam”, l’ultima possibilità di far proseguire nel tempo il conflitto.