Ha dell'incredibile quanto accaduto solo pochi giorni fa in provincia di Napoli e più precisamente a San Giorgio a Cremano, dove in una mensa scolastica è stato servito ad un alunno un panino contenente graffette di una spillatrice da ufficio. Immediato lo shock dei genitori che hanno i figli iscritti al tempo pieno: non si era mai verificato un fatto di simile portata nelle scuole del napoletano, ma si tratta di un caso isolato su cui stanno indagando le forze dell'ordine del posto. La Scuola ha immediatamente provveduto a comunicare il grave fatto alla società che si occupa di distribuire il cibo nella refezione ed è stato subito sostituito il produttore del pane scolastico.

L'intervento del sindaco Giorgio Zinno, poi, ha permesso alle famiglie di saperne di più sulla provenienza delle graffette in questione. In un post sul suo profilo Facebook, infatti, il primo cittadino di San Giorgio a Cremano ha affermato che i punti metallici sarebbero stati inseriti successivamente nel pane, poiché data la loro lucentezza non avrebbero potuto mai essere amalgamati all'impasto durante la cottura.

Chi ha messo le graffette nel panino della mensa scolastica?

Quanto accaduto nel napoletano ha subito messo in allarme chi manda il proprio figlio a scuola con il tempo pieno e fatto sta che si è creata una sorta di psicosi intorno al fattaccio: a questo punto potrebbe ridursi notevolmente il numero di persone che sceglie di far mangiare il proprio figlio nelle mense scolastiche del paese.

I migliori video del giorno

Nonostante il sindaco abbia gettato acqua sul fuoco rassicurando i genitori dei bimbi, ci si chiede chi possa essere stato a mettere dei punti metallici in un panino di una mensa scolastica con il rischio di far soffocare (o peggio) qualche alunno. Sul caso stanno indagando le forze dell'ordine e attualmente non c'è ancora un colpevole di una vicenda che potrebbe dissuadere molte famiglie a lasciar mangiare i propri figli nelle mense scolastiche.

E voi cosa ne pensate? Vi fidate a far mangiare i vostri figli a scuola? Raccontateci la vostra esperienza nei commenti in fondo alla pagina!